fbpx
sabato 25 Settembre 2021

Italia, la Camera dei Deputati costerà quasi un miliardo nel 2021

Nel 2021 la Camera dei Deputati avrà un costo di 963.776.517 euro, una cifra maggiore di quella del 2020: nello specifico, si tratta di quasi cinque milioni e mezzo in più, con una variazione dello 0.7%. Lo si apprende dal progetto di bilancio della Camera dei deputati per il 2021, il quale verrà discusso nell’Aula di Montecitorio il prossimo 12 luglio e sarà votato il 22.

Dalla lettura del documento contabile si viene a conoscenza del fatto che a gravare sulle spese siano soprattutto le misure anti Covid: l’acquisto di presidi medici e test, nonché l’adeguamento delle strutture, infatti, pesa sulle casse di Montecitorio all’incirca per due milioni di euro, i quali sono stati attinti dal fondo di riserva. A determinare in maniera notevole questo maggiore costo della Camera, poi, è anche lo stanziamento per il personale: da 175milioni 915mila dell’anno scorso si è arrivati a 177 milioni 570mila euro, il tutto a causa dell’assunzione, tramite concorsi, di 41 nuovi consiglieri entro fine anno.

Tuttavia, a registrare l’aumento maggiore è stata la spesa per le opere d’arte, con una crescita del 200%: da 60mila euro è arrivata a costare 180mila euro. Gran parte di tale somma è stata utilizzata per il restauro del dipinto “le Nozze di Cana”, di Paolo Caliari, che arrivò a Montecitorio nel 1923 in prestito dalla Galleria di Brerache e che attualmente si trova nella Sala Aldo Moro, anch’essa completamente ripresa.

Detto ciò, dal progetto di bilancio si evince anche che con l’entrata in vigore nella prossima legislatura del taglio dei parlamentari, il cui numero sarà ridotto da 630 a 400 in virtù della legge costituzionale n.1 del 2020, vi saranno 50 milioni di risparmi all’anno. Ad ogni modo, però, va sottolineato come tale somma sia davvero minima se paragonata alla spesa totale della Camera, che appunto si avvicina alla cifra di 1 miliardo di euro. Ed a tal proposito bisogna ricordare che non si tratti di un caso singolo, ma che ogni anno la Camera abbia un costo simile.

[di Raffaele De Luca]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

1 commento

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati