domenica 13 Giugno 2021

Ungheria: Corte costituzionale abroga “legge schiavitù” voluta da Orban

La Corte costituzionale ungherese ha accolto il ricorso dei sindacati ed ha giudicato incostituzionale la cosiddetta “legge schiavitù”, che prevedeva un aumento del tetto degli straordinari a 400 ore l’anno e stabiliva che il pagamento potesse avvenire con un ritardo anche di tre anni. Nello specifico, la Corte ha stabilito che nessuno potrà essere licenziato se rifiuta di fare gli straordinari e che questi ultimi debbano essere pagati entro l’anno. La legge fu fortemente voluta dal governo Orban e, nonostante il fatto che migliaia di ungheresi scesero in piazza per protestare, fu approvata nel 2018.

Ultime notizie

Il Referendum tradito, dieci anni dopo l’acqua non sfugge al profitto

Esattamente 10 anni fa, oltre 26 milioni di cittadini italiani sancirono che l’acqua avrebbe dovuto essere un bene pubblico...

Nella pandemia l’Occidente scivola verso l’autoritarismo: l’esempio inglese

Si susseguono le proteste in tutta la Gran Bretagna contro quello che è stato definito "disegno di legge anti-protesta"...

L’Indonesia proteggerà le foreste di mangrovie: sono fondamentali per l’ambiente

L’Indonesia è la terra che possiede più foreste di mangrovie al mondo. Le 17.500 isole del paese ne ospitano...

Open Day vaccinali: gli “esperti” del CTS hanno parecchio da spiegare

Il Comitato tecnico scientifico (CTS) aveva dato il via libera agli Open Day per i giovani con i vaccini...