fbpx
venerdì 24 Settembre 2021

Ungheria: Corte costituzionale abroga “legge schiavitù” voluta da Orban

La Corte costituzionale ungherese ha accolto il ricorso dei sindacati ed ha giudicato incostituzionale la cosiddetta “legge schiavitù”, che prevedeva un aumento del tetto degli straordinari a 400 ore l’anno e stabiliva che il pagamento potesse avvenire con un ritardo anche di tre anni. Nello specifico, la Corte ha stabilito che nessuno potrà essere licenziato se rifiuta di fare gli straordinari e che questi ultimi debbano essere pagati entro l’anno. La legge fu fortemente voluta dal governo Orban e, nonostante il fatto che migliaia di ungheresi scesero in piazza per protestare, fu approvata nel 2018.

Ultime notizie

Trattativa Stato-mafia, tutti assolti: per i giudici il fatto non costituisce reato

Una trattativa tra gli uomini dello Stato e i mafiosi di Cosa Nostra ci fu, ma ciò non costituisce...

La soluzione per estrarre idrogeno dall’acqua marina si avvicina?

Un gruppo di ricercatori dell’Università della Florida è riuscito a sintetizzare un composto in grado di ottimizzare l’estrazione di...

I cibi che fanno bene al cervello: come contrastare il declino cognitivo a tavola

E’ possibile contrastare l’invecchiamento, la perdita di memoria e il declino cognitivo anche attraverso un’alimentazione ricca di cibi che...

Il Chiapas a rischio guerra civile, l’EZLN avvisa il governo: la pazienza è finita

«Smettete di giocare con il fuoco perché state per bruciare», sono parole scritte nel comunicato reso pubblico il 19...