fbpx
sabato 23 Ottobre 2021

Birmania: 250 vittime dall’inizio delle proteste contro il golpe

Sono 250 i manifestanti rimasti uccisi per mano di esercito e polizia dall’inizio delle proteste popolari contro il golpe che il 2 febbraio scorso ha portato i militari al potere in Birmania. È quanto denuncia l’Associazione per l’assistenza ai prigionieri politici. Ieri si sono verificati altri due casi: un manifestante è stata ucciso dalle forze di polizia a Monywa, un altro è caduto dal quinto piano di un palazzo a Yangon mentre tentava di fuggire durante un’irruzione dai militari.

Ultime notizie

Gli USA coprono coi soldi gli omicidi di innocenti provocati dai droni

Il 29 agosto, nel pieno della fuga dall’Afghanistan, la situazione militare nell'aeroporto di Kabul era incandescente: un attentato di...

Il Coordinamento 15/10 ribadisce al governo: la lotta contro il green pass continua

«L'abrogazione del green pass e dell’obbligo vaccinale (attualmente previsto solo per i sanitari), l'impegno ad astenersi da ogni forma di...

Pensieri stupefacenti, l’avvenire di un’illusione

Esattamente duecento anni fa, settembre-ottobre 1821, cominciavano a uscire sul “London Magazine” Le confessioni di un mangiatore d’oppio di...

Riavvistata una lince sulle Alpi Sudorientali: un successo per il ripopolamento

È stata avvistata una mamma lince con i suoi cuccioli nati in natura tra i boschi della Slovenia. Una...