mercoledì 29 Giugno 2022

Italia, come nell’800: botte, perquisizioni e arresti contro gli operai in sciopero

La mattina del 10 marzo 2021, una doppia azione repressiva ha colpito i lavoratori del centro-nord. A Prato, la polizia è intervenuta contro gli operai della Texprint in presidio permanente, ferendo gravemente due dimostranti. A Piacenza, un blitz diretto contro lavoratori Fedex-TNT e operatori del sindacato Sicobas ha portato a numerose perquisizioni, arresti, multe e revoche di permessi di soggiorno. Secondo Sicobas, si tratta di un primo assaggio di come l’era Draghi affronterà le lotte dei lavoratori.

Da quasi 60 giorni i lavoratori di Texprint a Prato protestavano per le proprie condizioni lavorative. Texprint non solo ha legami con la ‘ndrangheta, ma costringe i propri lavoratori a turni di 12 ore al giorno inclusi i weekend. I reparti antisommossa sono intervenuti tre volte, brutalmente. Nello stesso momento, a Piacenza le forze dell’ordine hanno fatto irruzione nelle case di decine di lavoratori della Fedex-TNT, protagonisti di recenti scioperi. Due coordinatori del Sicobas sono stati messi agli arresti domiciliari per resistenza aggravata. In più, vi sono stati 6 avvisi di revoca del permesso di soggiorno, 5 divieti di dimora e più di 13 mila euro in multe. Sicobas ha dichiarato in un comunicato: «Quel che sta accadendo in queste ore a Piacenza rappresenta il primo vero biglietto da visita dell’era Draghi: fermi, perquisizioni e arresti domiciliari per chi difende i lavoratori dai soprusi padronali, in continuità con i decreti-sicurezza dei governi precedenti».

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI