sabato 2 Luglio 2022

Covid, il Tar corregge l’Aifa: medici non obbligati a prescrivere paracetamolo e vigile attesa

Un’ordinanza del TAR del Lazio del 4 marzo 2021 ha bocciato le linee guida fornite dall’AIFA, l’Agenzia Italiana del Farmaco, in merito ai trattamenti medici da utilizzare durante la prima fase della malattia da Covid-19. La nota dell’AIFA, pubblicata il 9 dicembre 2020, indicava la “vigile attesa” nonché l’utilizzo di fans e paracetamolo come cure da somministrare durante il trattamento domiciliare della malattia e raccomandava di non adoperare i farmaci generalmente utilizzati dai medici di medicina generale per i pazienti affetti da Covid-19. Il ricorso, effettuato nei confronti dell’AIFA e del Ministero della Salute, ha ad oggetto l’annullamento, previa sospensione dell’efficacia, della nota AIFA in questione ed è stato presentato al TAR dal “Comitato Cura Domiciliare Covid”, un gruppo di medici il cui obiettivo è di “ottenere una cura domiciliare anti covid-19 tempestiva per tutti i cittadini”. Dunque, all’interno dell’ordinanza il Tar afferma che il ricorso dei medici “appare fondato” in relazione al diritto/dovere al quale fanno appello, ossia quello di “prescrivere i farmaci che essi ritengono più opportuni secondo scienza e coscienza”, che “non può essere compresso nell’ottica di una attesa potenzialmente pregiudizievole”.

Ma tali medici non sono gli unici a non condividere queste linee guida. Basta ricordare il Movimento Ippocrate, che raggruppa medici, ricercatori, operatori della sanità e nel sociale che offrono un servizio gratuito di consulenza/assistenza medica Covid-19 basata su un trattamento diverso da quello indicato dall’AIFA.

RETTIFICA DEL 10/03: A seguito di ulteriori approfondimenti abbiamo modificato il titolo dell’articolo che erroneamente attribuiva all’ordinanza del Tar una bocciatura del trattamento a base di paracetamolo e “vigile attesa”, il Tar non è entrato nel merito scientifico delle cure e non ne ha sconfessata alcuna. Semplicemente l’ordinanza ribadisce, come correttamente abbiamo riportato nell’articolo, che i medici possono “in scienza e coscienza” seguire anche altri protocolli.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI