domenica 28 Novembre 2021

Cina, dopo la Luna tentativo per conquistare anche Marte

Lo scorso dicembre la Cina ha piantato la sua bandiera sul suolo lunare, portando a termine una missione che nessuno aveva tentato di compiere negli ultimi 40 anni. Ma non è l’unica conquista che la Cina vuole accaparrarsi. La nazione guidata da Xi Jinping si sta ora avvicinando a Marte con la missione chiamata Tianwen-1. Se l’atterraggio definitivo di maggio andrà bene, per la Cina sarà un enorme passo avanti. Perché?

La Cina considera lo spazio come uno strumento di competizione geopolitica e diplomatica. Il cosmo è diventato un ulteriore terreno di battaglia in cui dimostrare la propria supremazia. Gli Stati Uniti sono il principale – ma non l’unico – avversario. Tuttavia, seppur relativamente vicino alla Terra, Marte non è un obiettivo facile da raggiungere. Su 49 missioni tentate fino a dicembre 2020, solo 20 hanno avuto successo. Nel 2016, ad esempio, lo Schiaparelli Mars Explorer dell’Agenzia spaziale europea si è schiantato in superficie. Prima della Cina, sono stati gli indiani (con la missione Mars Orbiter) nel 2014 a raggiungere Marte. Ecco un’altra delle ragioni per cui diventa fondamentale l’esito positivo di Tianwen-1: Xi Jinping riaffermerebbe il suo dominio spaziale sul vicino indiano. A differenza dell’India, non è la prima volta che la Cina tenta di compiere una missione su Marte (la precedente, Yinghuo-1, nel 2011, è fallita al lancio). Tuttavia, in questa occasione, le probabilità di successo sembrano decisamente migliori.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati