lunedì 4 Luglio 2022

In pochi anni l’ecosistema delle Alpi potrebbe cambiare per sempre

I fiori alpini potrebbero estinguersi dopo la scomparsa dei ghiacciai mentre altre specie, più competitive, colonizzeranno il terreno. Lo afferma una ricerca pubblicata su Frontiers in Ecology and Evolution. I ricercatori hanno scoperto che fino al 22% delle specie studiate su quattro ghiacciai delle Alpi italiane, scomparirebbe dall’area una volta che i ghiacciai se ne saranno andati.

Secondo Gianalberto Losapio, ecologo della Stanford University che ha guidato la ricerca, piante endemiche come la sassifraga muschiosa, la sassifraga di montagna viola e il crescione amaro dalle foglie di mignonette si estingueranno probabilmente 150 anni dopo la scomparsa dei ghiacciai. Gli ambienti proglaciali, infatti, sono altamente sensibili al riscaldamento globale e le specie di montagna hanno bisogno di spostarsi in habitat ad altitudini maggiori mentre il clima si riscalda. Tuttavia non c’è più spazio per farlo

I ghiacciai si stanno ritirando a ritmi senza precedenti. I ricercatori hanno scoperto che il fenomeno ha colpito il 51% delle specie: tra queste il 29% prospererebbe, mentre il 22% potrebbe affrontare l’estinzione locale. Le piante alpine sono una parte fondamentale degli ecosistemi montani e la loro scomparsa potrebbe portare ad altre estinzioni locali.

Secondo Losapio, oltre a lavorare per ridurre le emissioni, educare le persone e sensibilizzare sui fragili ecosistemi montani potrebbe aiutare a proteggere questi ambienti. Sarebbe anche utile incoraggiare le persone a restare sui sentieri ed a non costruire ulteriori piste da sci.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI