fbpx
domenica 24 Ottobre 2021

Usa, Facebook concede all’Fbi i dati dei manifestanti di Capitol Hill

Facebook ha deciso di collaborare con l’Fbi, aiutando gli investigatori ad identificare ed incriminare i rivoltosi di Capitol Hill. Uno studio della George Washington University, infatti, ha dimostrato che il 78% delle 92 persone già sotto indagine ha usato le app di messaggistica dei social, Facebook su tutte.

I dati della George Washington University dicono anche che il 38% degli indagati ha ripubblicato i post di un individuo successivamente incriminato: tal Christopher M. Kelly, residente a New York e denunciato proprio da uno dei suoi contatti Facebook. Per identificarlo, l’Fbi ha chiesto a Facebook di avere accesso ai suoi messaggi privati, all’indirizzo Ip, alla mail collegata all’account e al suo numero di telefono. Il social ha accettato. Tra i dati forniti ci sono persino i messaggi privati scambiati tra Kelly ed altri utenti, che stanno aiutando ad identificare le altre persone coinvolte. Attraverso la sequenza dei messaggi e le foto postate in diretta, si stanno perfino ricostruendo i movimenti dell’uomo all’interno del Congresso.

La cronologia dell’Ip, invece, permette agli investigatori di ricostruire le tappe del suo viaggio: utile per identificare eventuali fiancheggiatori. Kelly è partito da New York ed ha dormito a Silver Spring, Maryland, non lontano da Washington. Ora si sta cercando di capire se anche le persone che lo hanno ospitato sono coinvolte nella rivolta.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati