mercoledì 29 Giugno 2022

Il cambiamento climatico impedisce lo sviluppo dei bambini più di povertà e analfabetismo

Aumento delle temperature e precipitazioni estreme contribuiscono alla malnutrizione infantile più di quanto non facciano la povertà, le scarse condizioni igieniche o il limitato accesso all’istruzione. Lo ha denunciato uno studio pubblicato di recente su Environmental Research Letters. La ricerca, condotta su 107 mila bambini fino a 5 anni di età, ha indagato la relazione fra cambiamento climatico e diversità delle diete infantili. I ricercatori, nel dettaglio, hanno analizzato la ‘diversità alimentare’ nei bambini provenienti da 19 paesi in via di sviluppo. Questa è stata poi interpolata con i dati ambientali e socio-economici degli ultimi trent’anni. I risultati hanno evidenziato che, in certe regioni, gli effetti negativi legati alle alte temperature hanno oscurato i benefici prodotti da altri fattori. Educazione, disponibilità di acqua potabile e aumento dei livelli di igiene sono stati così surclassati dal cambiamento climatico.

La ‘diversità alimentare‘ è un indicatore sviluppato dalla Fao per misurare la qualità del regime alimentare e l’apporto di micronutrienti. Nel 2019 – secondo l’Onu – 144 milioni di bambini sotto i 5 anni soffrivano di malnutrizione cronica. Nonostante negli ultimi decenni siano stati fatti enormi progressi per migliorare la sicurezza alimentare e la nutrizione infantile, due terzi dei bambini in tutto il mondo continuano a non ricevere una dieta adeguata al loro sviluppo. I cambiamenti climatici, neutralizzando i progressi accumulati finora, rischiano di peggiorare questa condizione.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI