fbpx
giovedì 28 Ottobre 2021

Un mercato che non conosce crisi: la vendita di armi continua a crescere nel mondo

L’industria degli armamenti rappresenta un mercato di quasi 400 miliardi di dollari. Tra Stati Uniti da un lato e Russia dall’altro, si insinuano nuovi Stati agguerriti a conquistare fette sempre maggiori di mercato. Lo ha rivelato lo studio pubblicato dallo Stockholm International Peace Research Institute (Sipri), prendendo in considerazione i 25 principali produttori di armi del mondo. La vendita di armi ha generato 361 miliardi nel 2019 (8,5 % in più del 2018). Le aziende di armamenti statunitensi restano leader, con le prime 5 posizioni e rappresentano il 61% delle vendite globali. La Cina controlla il 16% del mercato e l’Europa il 18%. L’italiana Leonardo, presente in 21 Paesi nel mondo, è una delle aziende più internazionali del settore.

Il nostro Paese è uno dei meno trasparenti, quando si tratta di dichiarare in modo internazionale la vendita di armi. Lo si scopre sfogliando i report annuali (resoconto vendita/acquisto), che ogni Stato aderente al Trattato sul commercio delle armi deve inviare alle Nazioni Unite. Negli ultimi 4 anni, quando alla guida del governo c’era Paolo Gentiloni, Roma non ha mai specificato verso quali Paesi veniva effettuata l’esportazione, avvalendosi della clausola di riservatezza (articolo 13.3 del Trattato).

Sono i paesi dell’area mediorientale e dell’Africa settentrionale i maggiori acquirenti di armi italiane per un totale di 1,334 miliardi di euro, pari al 32,6% di tutte le autorizzazioni rilasciate dall’Autorità nazionale Uama (Unità per le autorizzazioni dei materiali di armamento).

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati