fbpx
sabato 16 Ottobre 2021

Elezioni USA, il Texas fa ricorso alla Corte Suprema

Il Texas ha fatto ricorso alla Corte Suprema degli Stati Uniti contro Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin per bloccare l’elezione del democratico Joe Biden. Secondo il procuratore generale del Texas, il repubblicano Ken Paxton, le modifiche alle procedure di voto nelle scorse elezioni – rese necessarie dalla pandemia – sarebbero incostituzionali. Inoltre, il voto per corrispondenza avrebbe favorito i brogli elettorali. Dunque, il Texas chiede che non siano contati i 62 voti dei quattro Stati e di rinviare la riunione del Collegio elettorale che eleggerà formalmente il prossimo presidente degli Stati Uniti, attualmente prevista per il 14 dicembre. I procuratori generali di Alabama e Tennessee sono intenzionati ad aderire alla causa.

Se i 62 grandi elettori non venissero contati nel collegio elettorale, Joe Biden – che ha totalizzato 306 voti – scenderebbe sotto la soglia dei 270 voti necessari alla vittoria. Tuttavia, finora i ricorsi di Trump e dei suoi sostenitori non sono stati accolti dalla Corte Suprema, nonostante sia composta da una maggioranza conservatrice. Inoltre, le accuse di votazioni illegali in Georgia, Michigan, Pennsylvania e Wisconsin nella causa intentata dal Texas non sono supportate da prove, tanto che l’avvocato generale del Texas Kyle Hawkins non ha firmato il ricorso.

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati