fbpx
sabato 23 Ottobre 2021

Iraq, si riaccendono le proteste popolari: molotov contro le sedi governative

Si intensificano le proteste popolari nel Kurdistan iracheno contro la classe politica e il governo autonomo della regione. Le manifestazioni – cominciate a causa del ritardo nei pagamenti degli stipendi pubblici – sono state particolarmente accese nelle città di Suleimaniya e Piramagrun, dove i manifestanti hanno preso d’assalto le sedi dei partiti al governo anche con il lancio di bombe molotov. La polizia è intervenuta in tenuta anti-sommossa, sparando anche pallottole di gomma. Mentre le autorità curdo-irachene hanno ordinato la chiusura dei media vicini al movimento di protesta.

Da ormai un anno l’Iraq è al centro di frequenti manifestazioni di massa, le cui richieste principali sono: le dimissioni del governo, del Parlamento e del capo di Stato, nuove elezioni anticipate sotto l’egida delle Nazioni Unite, una nuova legge elettorale e l’istituzione di un tribunale speciale per i casi di corruzione. Dal 17 marzo, le proteste si erano interrotte a causa della diffusione del Covid-19. Nonostante ciò, la popolazione ha continuato a esprimere il suo malcontento con sporadici episodi dal 10 maggio, giorno dell’elezione del primo ministro al-Kadhimi definito frutto della divisione del potere su base etnico-confessionale. I manifestanti hanno anche chiesto punizioni per coloro che hanno “ucciso, rapito, torturato e arrestato attivisti” nel corso degli ultimi mesi. Secondo un report della Missione dell’Onu in Iraq risalente a maggio, sono state documentate 800 vittime e 23 000 feriti.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiano né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati