venerdì 27 Maggio 2022

Danimarca, le carcasse dei visoni abbattuti riemergono dal terreno

Il governo danese sta valutando la possibilità di riesumare e cremare i resti di milioni di visoni, dopo che alcune carcasse in decomposizione hanno iniziato ad emergere da una fossa scavata frettolosamente. A seguito di una versione mutata di Covid-19 trovata negli animali (la variante C5 del virus identificata dall’instituto Statens Serum), il primo ministro Mette Frederiksen, ha avviato a novembre l’abbattimento di 15-17 milioni di visoni. Questa settimana, nel comune di Holstebro, i gas rilasciati (fosforo e azoto) durante il processo di decomposizione, hanno iniziato a spingere le carcasse sulla superficie di una fossa comune troppo bassa. Così venerdì, il nuovo ministro dell’agricoltura, Rasmus Prehn, ha espresso il suo sostegno all’idea di riesumare i visoni abbattuti e bruciarli.

La scorsa settimana, il governo danese ha concluso che la potenziale minaccia era “molto probabilmente estinta”, anche se migliaia di visoni sono fuggiti. Fino ad ora sono stati uccisi 10 milioni di individui e l’abbattimento controverso continua.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI