mercoledì 18 Maggio 2022

Obsolescenza programmata: Apple dovrà pagare 113 milioni di dollari

Apple dovrà pagare una sanzione di 113 milioni di dollari per concludere la causa – intrapresa da 34 Stati americani – che accusava la società di ridurre volontariamente le prestazioni dei vecchi iPhone.

Il caso, noto come Batterygate, ha avuto inizio nel 2017 e riguarda l’obsolescenza programmata. L’aggiornamento al nuovo sistema operativo, iOS 10.2.1, rallentava gli smartphone meno recenti. Apple ammise la pratica di impostare una minore prestazione energetica, sostenendo che fosse un modo per preservare lo stato delle batterie vecchie o usurate. Tuttavia, molti consumatori avevano ritenuto la pratica un tentativo dell’azienda di incentivare l’acquisto di nuovi iPhone ed hanno avviato una class action. La società di Cupertino ha preferito accordarsi, accettando di pagare la sanzione.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI