mercoledì 18 Maggio 2022

Paradosso Europa: bisogna stare a casa, ma nella pandemia sono aumentati i senzatetto

Almeno 700.000 senzatetto dell’Unione europea, durante i confinamenti dovuti alla pandemia, si sono trovati ad essere fuorilegge ed il Covid-19 ha peggiorato la situazione di molti. Inoltre, secondo l‘Institute for Housing and Environment, oltre 50 milioni di cittadini europei fanno fatica a pagare le spese di alloggio. Le misure efficaci, anche se insufficienti durante la pandemia, sono state il divieto di sfratto, la sospensione dei mutui, i sussidi e il congelamento degli affitti. Inoltre, Bruxelles, Barcellona e Lione, hanno aderito al progetto “Solidarity Hotel”, in cui i proprietari delle strutture ricevono rimborsi in cambio dell’ospitalità ai senzatetto.

Il problema è anche italiano: secondo l’ultimo censimento Istat, nel Paese vivono oltre 50 mila senzatetto costretti ad utilizzare le mense per nutrirsi e i centri di accoglienza per dormire. Luoghi in genere affollati, nei quali la distanza minima non può essere rispettata.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI