sabato 2 Luglio 2022

Berlino, migliaia in piazza contro le restrizioni anti-covid: scontri e arresti

A Berlino, nella notte tra sabato e domenica, l’Istituto Robert Koch, ente governativo che centralizza i dati sul coronavirus, è stato attaccato da ignoti con lanci di bottiglie incendiarie. A mezzogiorno del mattino seguente, circa 2.000 persone hanno protestato ad Alexanderplatz contro le misure anti-covid adottate dal governo. I manifestanti, fermati dalla polizia perché senza mascherina, hanno forzato il blocco e si sono indirizzati verso Karl-Marx-Allee, urlando slogan contro “la dittatura della sanità”. L’obiettivo era il cinema Kosmos, dove si sta tenendo digitalmente, il World Health Summit (Vertice mondiale della sanità).

La protesta è stata proclamata da “Querdenker”, associazione che ha indetto molte manifestazioni. La polizia ha reso noto di aver mobilitato complessivamente 600 agenti, ma, per ora, senza rilasciare un bilancio dei fermi e dei feriti.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI