giovedì 19 Maggio 2022

Kirghizistan: dopo giorni di tensione il presidente si dimette

Dopo giorni di tensione il presidente del Kirghizistan, Sooronbay Jeenbekov, ha rassegnato le dimissioni. Le elezioni di domenica 4 ottobre hanno premiato la coalizione dei partiti filorussi ed il risultato ha scatenato il furore dell’opposizione, che dal 5 nella ex repubblica sovietica protesta. I palazzi del potere sono stati assaltati, ci sono stati oltre 600 feriti (sette gravi) e un morto.

Il Kirghizistan è una nazione che gode di un sistema politico pluralista, dove sarebbe predominante la corruzione ed a scatenare le proteste sarebbe proprio l’accusa di compravendita di votiLe nuove elezioni presidenziali dovrebbero tenersi entro tre mesi dalle dimissioni di Sooronbai Jeenbekov.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI