sabato 12 Giugno 2021

Kirghizistan: dopo giorni di tensione il presidente si dimette

Dopo giorni di tensione il presidente del Kirghizistan, Sooronbay Jeenbekov, ha rassegnato le dimissioni. Le elezioni di domenica 4 ottobre hanno premiato la coalizione dei partiti filorussi ed il risultato ha scatenato il furore dell’opposizione, che dal 5 nella ex repubblica sovietica protesta. I palazzi del potere sono stati assaltati, ci sono stati oltre 600 feriti (sette gravi) e un morto.

Il Kirghizistan è una nazione che gode di un sistema politico pluralista, dove sarebbe predominante la corruzione ed a scatenare le proteste sarebbe proprio l’accusa di compravendita di votiLe nuove elezioni presidenziali dovrebbero tenersi entro tre mesi dalle dimissioni di Sooronbai Jeenbekov.

L'inserimento dei commenti è riservato agli abbonati. Accedi alla campagna di crowdfunding in corso e scegli l'abbonamento che preferisci.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di “The Week” prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati