mercoledì 17 Agosto 2022

Cile, continuano le grandi proteste del popolo Mapuche

Più di 30 comunità di Mapuche hanno emesso un comunicato per chiedere al governo cileno di riconoscere nella nuova Costituzione l’esistenza del popolo Mapuche e di garantire una rappresentanza in Parlamento.

I Mapuche sono una popolazione indigena del Cile di circa 250.000 persone, vittime ormai da tempo di diseguaglianze e protagonisti di proteste di massa. Nel comunicato al governo cileno è stato sottolineato  “crediamo che questo sia il momento in cui lo Stato del Cile dovrebbe essere all’altezza delle richieste che la maggior parte del popolo cileno e Mapuche chiede urgentemente di estinguere il debito storico con i popoli nativi attraverso meccanismi migliori di partecipazione democratica “. Il prossimo 25 ottobre ci sarà un referendum per decidere se riscrivere l’attuale Costituzione in vigore dal 1980 redatta dalla dittatura di Augusto Pinochet.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI