martedì 23 Luglio 2024

Il Sud Italia continua a svuotarsi: perso mezzo milione di residenti in 10 anni

In dieci anni, tra il 2014 e il 2023, il Sud Italia ha perso circa 550 mila residenti nei confronti del Nord Italia. Nello specifico, si sono contati circa 1,15 milioni di spostamenti in uscita verso le Regioni del Centro-Nord e circa 600 mila sulla rotta inversa. Nel medesimo arco temporale si sono registrati anche 1,8 milioni di espatri e 515 mila rimpatri. Il Nord Italia rimane appetibile anche per i cittadini esteri, che sono aumentati del 5,2 per mille. A rivelare questi dati è un nuovo rapporto dell’Istat, che ha anche attestato come nel biennio 2022-23 siano state particolarmente significative le immigrazioni in Italia dei cittadini stranieri, in totale 697mila. Risulta in aumento il numero degli espatri (+10% rispetto al 2021), fermi comunque a 207mila unità nel medesimo periodo. Cresce, anche se in maniera più lieve, la mobilità interna, con una media annua circa 1,45 milioni di trasferimenti (+2,4%).

Il report dell’Istat ha evidenziato che, nel 2023, i trasferimenti di residenza tra Comuni hanno coinvolto un milione e 444mila cittadini, facendo segnare un leggero calo (-1,8%) rispetto al 2022, anno in cui se ne osservavano un milione e 471mila. Se è vero che quattro trasferimenti su cinque interessano cittadini italiani, si sottolinea che, in termini relativi, la propensione a spostarsi degli stranieri risulta superiore al doppio di quella dei cittadini italiani. Nel corso dell’ultimo decennio, il tasso medio di mobilità interna dei cittadini italiani è stato del 20,7 per mille, rispetto al 49,0 per mille degli stranieri. Uno dei dati più significativi del rapporto è quello che vede un trasferimento di residenza su tre dalle regioni del Mezzogiorno a quelle del centro-nord. Solo nel biennio 2022-23, si sono registrati in totale “253mila trasferimenti di residenza da un Comune meridionale verso uno centro-settentrionale” (la media annua ammonta a 127mila movimenti, segnando un +13,3% sul 2021), mentre i movimenti sulla traiettoria opposta sono stati 124mila. Nello specifico, in questa fase, “tre partenze dal Mezzogiorno su 10 si dirigono in Lombardia, la meta di destinazione preferita tra i residenti di molte regioni meridionali”. La regione da cui si parte si più verso il Centro-Nord è la Campania (28,8% delle cancellazioni dal Mezzogiorno), cui seguono Sicilia (24,1%) e Puglia (18%).

A esercitare maggiore attrazione continua a essere il Nord-Est della Penisola, con un tasso migratorio medio annuo per il periodo 2022-2023 pari al +2,4 per mille. All’interno di questo quadrante primeggia l’Emilia-Romagna, che vede un tasso migratorio interno netto del +3,6 per mille. Il Nord-Ovest fa segnare un tasso migratorio interno inferiore (+1,8 per mille), dove risulta determinante il ruolo giocato dalla Lombardia, che da sola vale il +2 per mille. Più basso, ma positivo, il tasso migratorio del Centro (+0,6 per mille), mentre riportano segno negativo i tassi migratori dell’area Sud e delle Isole (rispettivamente -3,5 e -2,7 per mille). Le performance più negative sono quelle di Basilicata (-5,7 per mille), Calabria (-5,3 per mille), Molise (-4,4 per mille) e Campania (-4 per mille). La provincia con il più alto tasso di migrazione interna è Pavia (5,1 per mille), seguita da Bologna (+4,4 per mille) e Ferrara (+4,3 per mille). Le province meno attrattive sono invece quelle di Caltanissetta (-7,1 per mille), Reggio di Calabria (-6,7 per mille) e Crotone (-6,3 per mille).

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI