martedì 23 Luglio 2024

Milano ha vietato di nuovo l’opera d’arte per Julian Assange

Il Comune di Milano, dopo aver già negato la cittadinanza onoraria al pluripremiato giornalista incarcerato Julian Assange, ha vietato per la seconda volta l’installazione del gruppo statuario Anything to Say? dello scultore Davide Dormino. L’opera raffigura Assange tra Chelsea Manning, l’ex militare USA che gli ha consentito le sue rivelazioni più scottanti, e l’ex-analista della NSA, diventato whistleblower, Edward Snowden. Non è stato fornito alcuna motivazione per il diniego.

Questo «Monumento al Coraggio», come lo chiama Dormino, già esposto a Parigi, Bruxelles, Londra, Sydney, Berlino e in tante altre città nel mondo, stava per completare, nel capoluogo lombardo, il suo tour italiano tra Napoli, Roma e Bologna – tutte città che hanno concesso l’autorizzazione ad occupare il suolo pubblico.  Ora il rifiuto da parte del sindaco Beppe Sala.

«Il comportamento dell’Amministrazione milanese è un affronto alla storia della città e rivela che i diritti possono essere calpestati quando in gioco ci sono gli interessi degli Stati Uniti» ha detto un portavoce degli attivisti pro Assange di Milano che fanno parte del Comitato per la Liberazione di Julian Assange – Italia. Gli USA, infatti, cercano di mettere sotto processo il giornalista australiano per aver rivelato i loro crimini di guerra in Iraq e in Afghanistan e quindi difficilmente sarà da loro gradita una statua che, invece, esalta quel gesto.

Per protestare l’inspiegabile censura di una celebre opera d’arte e di un tributo a tre eroi contemporanei, il Comitato terrà una manifestazione questa domenica, 16 giugno alle ore 14.30, in Piazza Castello insieme a Stella Assange, moglie di Julian Assange e avvocato difensore dei diritti umani.  La quarantenne sudafricana è, infatti, venuta a Milano, sia per poter assistere alla presentazione della statua Anything to Say, sia per parlare ai partecipanti del Wired Next Fest che si terrà nell’adiacente Castello Sforzesco.

Insieme a lei ci sarà Dormino, Moni Ovadia, le giornaliste d’inchiesta e autrici di libri su Assange Sara Chessa e Germana Leoni, e personalità del mondo dell’arte, dell’informazione e della politica. I loro interventi saranno accompagnati da performance su e intorno al gruppo statuario. 

Intanto i cittadini bolognesi possono ammirare l’opera di Dormino ancora domani, 14 giugno, in piazza del Nettuno dalle ore 11 alle ore 21.  Ci sarà, anche in questo caso, un folto programma di interventi e di performance – per esempio, alle ore 15 il noto sassofonista Andrea Poltronieri e, alle ore 16, il cantautore Germano Bonaveri, il vincitore del premio De Andrè Luciano D’Abruzzo e la danzatrice e coreografa Caterina Ravollini. L’organizzazione è a cura di Fulvia Panza e Angela Mastrolonardo del gruppo Free Assange Bologna.

[di Patrick Boylan – autore del libro Free Assange e co-fondatore del gruppo Free Assange Italia]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI