martedì 18 Giugno 2024

Ucraina nell’Unione Europea, la Commissione accelera: soddisfatti tutti i requisiti

Dopo una fase di tentennamenti, ha ripreso vigore la spinta da parte dei Paesi UE al sostegno a Kiev. La Commissione Europea ha infatti ufficialmente comunicato che l’Ucraina, impegnata nel conflitto con Mosca, ha soddisfatto i criteri necessari per avviare i negoziati formali sulla sua adesione al blocco. Il medesimo discorso vale per la Moldavia, altro Paese interessato dalle tensioni con la Russia e ufficialmente candidato a entrare nell’Ue. Secondo la portavoce per l’allargamento della Commissione europea, Ana Pisoner, l’Ucraina ha infatti «raggiunto» i requisiti funzionali per l’attivazione dell’iter, tra cui spiccano la tutela dello Stato di diritto, l’adeguamento del sistema giudiziario, la battaglia contro la corruzione e il rispetto dei diritti umani e delle minoranze. Una scelta che ha tutto il sapore della mossa politica, dal momento che in Ucraina la corruzione continua a dilagare – numerosi scandali hanno colpito anche diverse figure che si sono succedute nella compagine di governo -, che tutti i media sono stati riuniti sotto un unico ente statale e sono stati messi fuori legge 11 partiti di opposizione. Ora la palla passa ai Paesi membri, che dovranno esprimersi all’unanimità sull’adesione di Ucraina e Moldavia.

Molti Stati, tra cui Turchia, Macedonia del Nord, Montenegro, Serbia e Albania, sono candidati da anni (alcuni addirittura da decenni) a fare ingresso nell’Unione Europea, ma la situazione per loro è rimasta stagnante. Massima profusione è stata invece impressa agli sforzi per portare l’Ucraina tra i Paesi membri, con un’accelerata che arriva mentre l’avanzata russa sul campo appare indomabile. Quello dell’adesione dell’Ucraina all’Ue è infatti uno dei tasselli chiave attraverso cui si sta rinnovando l’impulso al supporto a Kiev da parte dei Paesi occidentali, che per lunghi mesi era apparso zoppicante – come dimostrano i fondi bloccati negli USA e diverse retromarce in Europa – e che adesso sembra aver nuovamente trovato linfa vitale. Saranno ora direttamente gli Stati membri a lavorare sul dossier Ucraina, dovendo imprimere un via libera senza defezioni: quasi tutti sembrano d’accordo sull’adesione di Kiev, mentre a esprimere le maggiori perplessità è l’Ungheria di Orban, che dubita di quanto attestato dalla Commissione ed è intenzionata a valutare una serie di elementi nei quadri negoziali, che saranno concordati in sede di Consiglio Europeo. Proprio per questo motivo il Belgio, che attualmente detiene la presidenza di turno del Consiglio, auspica di tenere il primo ciclo di colloqui il 25 giugno, prima che l’Ungheria assuma la presidenza di turno, in data 1° luglio. Tra i più attivi c’è il presidente francese Emmanuel Macron, che ieri, in una conferenza stampa congiunta con Zelensky, si è impegnato ad aprire i negoziati per l’adesione di Kiev all’Unione Europea entro fine mese. Macron ha annunciato contestualmente l’istituzione di un fondo da 200 milioni di euro per la ricostruzione delle infrastrutture dell’Ucraina, dichiarando inoltre di voler mettere insieme nei prossimi giorni una coalizione per l’invio di istruttori militari a Kiev.

Le traiettorie di aiuto sono però anche quelle squisitamente belliche. La settimana scorsa, il governo tedesco ha infatti annunciato di aver autorizzato l’esercito di Kiev a utilizzare gli armamenti forniti dalla Germania per attaccare obiettivi militari in territorio russo. La richiesta di dare la possibilità all’Ucraina di colpire obiettivi in Russia era arrivata pochi giorni prima direttamente dal segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg. Nella stessa fase, anche il presidente USA Joe Biden aveva autorizzato Kiev a colpire obiettivi in Russia con armi americane, ma solo nelle retrovie dell’offensiva di Kharkov: ciò è effettivamente avvenuto tra il primo e il due giugno, quando le forze armate ucraine hanno utilizzato armi statunitensi – nella fattispecie missili HIMARS -, per colpire un sistema di difesa aerea nella regione russa di Belgorod. Ieri, Biden si è incontrato a Parigi con il suo omologo ucraino Zelensky, con il quale si è per la prima volta scusato pubblicamente per i mesi di stallo che hanno preceduto il via libera del Congresso statunitense degli aiuti militari a Kiev, annunciando altri 225 milioni di dollari in aiuti militari. Sempre nella giornata di ieri, come riportato da Reuters, un alto funzionario della Casa Bianca ha dichiarato che è sempre più concreta l’ipotesi dell’aumento del dispiegamento di armi nucleari strategiche americane nei Paesi Nato. Gli USA rispettano attualmente il limite di 1.550 testate stabilito nel trattato New START del 2010 con la Russia, anche se Mosca ha deciso di sospendere la sua partecipazione lo scorso anno a causa del sostegno offerto da Washington all’Ucraina, collocando armi nucleari strategiche in Bielorussia. Il quadro potrebbe dunque mutare ancora una volta.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

2 Commenti

  1. Ma sono tutti impazziti? Qui non esistono più regole e la commissione europea viaggia a ruota libera . Da quando possono entrare in Europa paesi in guerra? Questa europa ha già tradito abbondantemente tutte le motivazioni per cui era stata pensata . L’Ucraina non è mai stata un paese democratico , perchè non basta fare delle elezioni per chiamarsi democratici . Quale democrazia in un paese che manda a casa tutta la parte dell’opposizione parlamentare , che non svolge le elezioni del propio presidente , peraltro eletto con scarsissima maggioranza in una grande astenzione. Perchè aggiungere all’Europa un paese troppe volte menzionato come uno dei paesi più corrotti al mondo? PERCHE’ ? L’America ha deciso che l’Europa deve impegnarsi in una guerra senza quartiere contro la Russia di un Putin dipinto come il nuovo Hitler . La Germania si è già scordata gli affari d’oro che ha fatto con il novello Hitler sino a tre anni fa? L’Europa non si è accorta che da quando è stata separata dalla Russia economicamente è andata in stallo se non in recessione? Fermiamo QUESTA EUROPA prima che sia troppo tardi per noi e per i nostri discendenti. L’Europa deve colloquiare con tutto il mondo soprattutto quello emergente e non arroccarsi nella divisione in blocchi scegliendo la via dei perdenti oltretutto . BASTA

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI