domenica 21 Aprile 2024

A Gaza la fame è usata come “strumento di guerra”

Sospensione delle consegne di prima necessità e dei finanziamenti, diffusione di infezioni che colpiscono l’apparato digerente, malnutrizione infantile ed intere famiglie completamente a digiuno da giorni. Il tutto mentre i bombardamenti continuano e le autorità israeliane ostacolano appositamente le missioni umanitarie “usando la fame dei civili come metodo di guerra contro Hamas”. È il quadro che emerge dalle denunce di organizzazioni umanitarie come Human Rights Watch, del Programma alimentare delle Nazioni Unite (WFP), di attivisti per i diritti umani e dalle denunce dei medici che continuano ad operare a Gaza. L’allarme a Gaza è critico ed è stato rilanciato anche dal vicedirettore esecutivo dell’Unicef per l’azione umanitaria e le operazioni di approvvigionamento, che ha confermato: «La Striscia è sul punto di assistere ad un’esplosione di morti nella popolazione pediatrica, che aumenterebbe il livello già insopportabile di morti infantili a Gaza».

Secondo Human Rights Watch, il governo israeliano starebbe usando la fame dei civili «come metodo di guerra nella Striscia di Gaza, il che è un crimine di guerra». In un comunicato stampa, la ONG spiega come la fame dei palestinesi verrebbe usata strategicamente nella lotta ad Hamas bloccando la fornitura di acqua, cibo e carburante, impedendo volontariamente l’assistenza umanitaria e radendo al suolo aree agricole privando la popolazione civile dei beni indispensabili per la sua sopravvivenza e violando gli ordini vincolanti della Corte internazionale di Giustizia dell’Aja in merito all’invio di aiuti ai civili. Il comunicato prosegue poi riportando alcune dichiarazioni controverse di tre alti funzionari israeliani. Il primo è il ministro della Difesa Yoav Gallant, che affermò: «Ho ordinato un assedio completo alla Striscia di Gaza. Non ci sarà elettricità, né cibo, né carburante, tutto è chiuso. Stiamo combattendo gli animali umani e ci comportiamo di conseguenza». Il secondo è Itamar Ben-Gvir, ministro della Sicurezza nazionale che scrisse: «Finché Hamas non rilascia gli ostaggi nelle sue mani, l’unica cosa che serve per entrare a Gaza sono centinaia di tonnellate di esplosivo provenienti dall’aeronautica militare, non un grammo di aiuti umanitari». Infine, viene riportata la citazione del ministro dell’Energia Israel Katz, che pubblicò su X: «Ho sostenuto l’accordo tra il primo ministro Netanyahu e il presidente Biden per la fornitura di acqua alla regione meridionale di Gaza perché era anche nell’interesse di Israele. Mi oppongo fermamente all’apertura del blocco e all’introduzione di merci a Gaza per motivi umanitari. Il nostro impegno è nei confronti delle famiglie delle persone assassinate e degli ostaggi rapiti, non nei confronti degli assassini di Hamas e di coloro che li hanno aiutati».

D’altronde, era da dicembre che l’ONU metteva in guardia sull’imminente carestia nel nord di Gaza causata dalla carenza di cibo e sono stati segnalati casi di famiglie, compresi bambini, che hanno trascorso giorni interi senza mangiare. La situazione si è ulteriormente aggravata dopo che il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP) ha dichiarato che sospenderà le consegne di aiuti alimentari e dopo che l’UNRWA, l’Agenzia per il soccorso e l’occupazione dei profughi palestinesi nel Vicino Oriente, ha denunciato la sospensione dei finanziamenti, che causerà quindi l’impossibilità di continuare ad operare nella Striscia. Nel comunicato stampa del WFP si legge che tra le cause vi sono episodi come quello successo lunedì: «Il viaggio del secondo convoglio verso nord ha dovuto affrontare il caos e la violenza più totale a causa del crollo dell’ordine civile. Diversi camion sono stati saccheggiati tra Khan Younis e Deir al Balah e un camionista è stato picchiato. La farina rimanente è stata distribuita spontaneamente dai camion nella città di Gaza, tra alta tensione e rabbia esplosiva». Per quanto riguarda l’UNRWA, invece, il commissario generale Philippe Lazzarini ha dichiarato che tutte le riserve si esauriranno a marzo, che molti colleghi hanno già cessato le loro attività nelle regioni settentrionali e che l’Agenzia ha subito una grave carenza di fondi internazionali in seguito alle accuse di aver aiutato Hamas a preparare gli attacchi del 7 ottobre. In difficoltà poi ci sarebbero anche le attività dell’ONU, che ha rivelato come nelle prime sei settimane solo 12 delle missioni tentate nel nord di Gaza siano state pienamente agevolate dalle autorità israeliane.

Il dottor Hussam Abu Safiya, primario del reparto di pediatria dell’ospedale Kamal Adwan nel nord di Gaza, ha dichiarato: «Abbiamo perso un numero significativo di bambini negli ultimi giorni a causa della diffusa malnutrizione. Abbiamo registrato molti casi che sono stati ricoverati nel reparto di terapia intensiva. La maggior parte dei casi è arrivata in uno stato di disidratazione avanzata e di natura avanzata della malattia ed è stata causata dalla malnutrizione. C’è una diffusione dell’infezione soprattutto a livello dell’apparato digerente, la maggior parte dei casi si presenta in una situazione molto avanzata e critica, a causa del verificarsi di infezioni intestinali, le cui complicanze includono la disidratazione. Ciò provoca un malfunzionamento nel sistema dei sali nel sangue, che porta al ricovero immediato di questi casi nel reparto di terapia intensiva sovraffollato». Secondo la Ong Action Aid poi, che ha rilanciato le dichiarazioni del medico, le donne incinte sono così malnutrite che molti dei loro bambini nascono sottopeso e con problemi di salute. «Sono presenti segni di debolezza e segni di pallore nei neonati, presenti a causa della malnutrizione della madre. Ci sono madri che allattano i propri figli, ma hanno una scarsa produzione di latte, e questo è legato all’alimentazione della madre. Purtroppo non esiste un’alimentazione adeguata per la madre e non esiste un’alimentazione adeguata per il bambino. E la mancanza di latte di supporto per i bambini porta ad un peggioramento delle condizioni di salute dei bambini», ha aggiunto il dottor Safiya.

La denuncia del medico è supportata poi anche dal recente rapporto del Global Nutrition Cluster, un gruppo di Ong e agenzie delle Nazioni Unite in missione per migliorare le emergenze alimentari internazionali. Secondo il documento, il 90% dei bambini a Gaza sotto in due anni versa in grave povertà alimentare, almeno il 90% dei bambini sotto i cinque anni sono affetti da una o più malattie infettive e circa il 70% ha sofferto di disturbi intestinali nelle ultime due settimane. Nel nord della Striscia poi la situazione è ancora più critica: un bambino su sei sotto i due anni è gravemente malnutrito e il 3% soffre di deperimento, il tipo più grave di malnutrizione.

[di Roberto Demaio]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

5 Commenti

  1. La fame usata come strategia di guerra è il livello più basso dell’umanità, bloccare aiuti alle famiglie è cosa degna di un dio del male. Il mondo che non vuole vedere il dolore mi fa orrore e mi toglie la speranza . Dio guardaci!

  2. L’olocausto al contrario non piace agli anti fascisti
    e anti nazzisti, se li praticato loro i sistemi difensivi estremisti va benissimo!!! Ma se uno si difende perché aggredito è colpevole di eccesso di difesa , proprio “un mondo al contrario” ormai!!! Si stupiscono del genocidio attuale senza domandarsi cosa hanno fatto per provocarlo e cosa stanno facendo, sostendo una causa senza nemmeno capire il perché, scendendo in piazza a fomentare odio. Proprio un bell’esempio di civiltà democratica bravi!!!!

  3. L’olocausto al contrario non piace ai benpensanti dell’antifascismo e nazzismo che se viene praticato da loro va benissimo, è proprio “un mondo al contrario” ormai!!! Si stupiscono del genocidio attuale senza domandarsi cosa hanno fatto per provocarlo e cosa stanno facendo sostendo una causa senza nemmeno capire il perché scendendo in piazza

    • Tutte queste persone sono incapaci di vedere al di là del loro esistere, si ergono a paladini dei palestinesi per avere visibilità, ma nel concreto non si rendono conto che Israele è un animale ferito da secoli di persecuzioni e oggi che ha gli strumenti per affermare la sua identita, si comporta esattamente come si sono comportati TUTTI, nei sui confronti e direi che essere neutrali nei giudizi e smettere di fomentare tutto questo sarebbe doveroso da parte di chi si ritiene imparziale STATE ZITTI. Continuo a leggere di tutte le persecuzioni subite dai palestinesi in questi 70 anni di insediamento israeliano in un territorio occupato da sempre da chi nei secoli è riuscito ad avere la meglio, ma Israele che nasce in Palestina non ha nessun diritto di starci? Allora dove lo mettiamo? Aggredire persone inermi con violenza da parte di hamas è giusto, se lo fa Israele è genocidio!!!

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI