venerdì 12 Aprile 2024

Banche europee da record: 100 miliardi di profitti nel 2023

Le principali banche europee hanno chiuso i conti dell’anno appena passato registrando complessivamente 103 miliardi di euro di profitti: una quota mai raggiunta in precedenza. Si tratta, nello specifico, di un aumento di oltre il 28% rispetto ai 78 miliardi di utili del 2022. Lo riporta Bloomberg, che ha analizzato i bilanci delle 20 maggiori banche europee (con l’esclusione della svizzera UBS). Un decimo dei guadagni – ben 9,5 miliardi – è stato incassato dall’italiana Unicredit: ad avvantaggiarsi sono stati gli azionisti, i dipendenti ed i banchieri, i quali, alla fine del 2023, hanno ottenuto l’aumento in busta paga che chiedevano da tempo, grazie ad un nuovo accordo siglato tra i sindacati e l’Associazione delle banche italiane. Per quanto riguarda il 2024, “anche se il massiccio balzo dei profitti sarà difficile da ripetere man mano che il vento favorevole dei tassi si allenterà, molte banche sono ottimiste sul fatto che l’aumento delle commissioni attive consentirà loro di continuare a far crescere i profitti”, ha affermato Bloomberg.

Il dato che balza subito agli occhi è che ben tre quarti degli istituti di credito i cui risultati sono stati esaminati dall’agenzia finanziaria ha registrato utili “record” nella propria storia. A spiegare l’enorme balzo dei profitti è certamente la redditività netta da interessi aperta dalla campagna di rialzo dei tassi realizzata dalla Banca centrale europea a partire da luglio 2022 per combattere l’inflazione più alta degli ultimi 40 anni. Carovita che, però, nell’ultimo periodo sembra essere soggetto a un rallentamento, rendendo dunque particolarmente difficile ipotizzare il medesimo scenario per l’anno in corso, che comunque – almeno secondo quanto emerge dalle proiezioni degli analisti – potrà ancora dare grosse soddisfazioni all’apparato bancario del continente. Certo è che, in riferimento al 2023, gli extra-profitti del 2023 si sono tradotti in maggiori dividendi e buyback per gli azionisti. A questo proposito, i membri del team di esperti di JP Morgan Chase – guidato da Mislav Matejka, responsabile della strategia azionaria globale della multinazionale – si sono detti però convinti che le remunerazioni per gli azionisti abbiano raggiunto il loro picco, scrivendo in una nota che “la prospettiva di tagli dei tassi da parte della Banca centrale quest’anno ridurrà gli utili per il settore” ed evidenziando che “le revisioni dell’EPS delle banche europee sono entrate di recente in territorio negativo”.

Per quanto concerne l’Italia, nel corso del 2023 il sistema bancario è riuscito a incamerare oltre 40 miliardi di euro. Basti pensare che i primi cinque istituti di credito, nel 2023, hanno raccolto ben 21 miliardi di euro di utili, con Unicredit e Intesa Sanapaolo che hanno chiuso l’anno con profitti addirittura pari a 8,6 e 7,7 miliardi di euro. A seguirli, banca Mps (2 miliardi), Bper (1,5 miliardi) e Banco Bpm (1,2 miliardi). Eppure, le casse dello Stato italiano non hanno potuto giovare di questo exploit. Infatti, dopo aver presentato la tassa sugli extraprofitti la scorsa estate, il governo guidato da Giorgia Meloni ha fatto marcia indietro, depotenziando la norma fino a consentire agli istituti di credito di scegliere se versare la tassa all’erario oppure utilizzare quel denaro per il rafforzamento del proprio capitale. Come era ampiamente facile ipotizzare, tutte le banche hanno optato per la “scorciatoia” spianata dall’esecutivo.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Se si pensa anche a qualche comportamento disonesto nei confronti dei dententori dei conti, fa ancora più rabbia, il piccolo risparmiatore alla fine non guadagna quasi mai, ma deve sempre pagare grazie a tutti questi bancari istruiti solo per fare profitti.
    Voglio raccontare la mia esperienza con un istituto finanziario che fa capo a una banca importate citata nell’articolo a cui ho affidato i mie risparmi famigliari, con il veto di non esporli hai capricci del mercato perché dovevo realizzare l’acquisto di un immobile per cui dovevano essere dispozione nel momento in cui l’avrei trovato. Oltre a non averci. informato sui rischi di mercato degli investimenti che avevano scelto di proporci , hanno vincolato i risparmi sul lungo periodo proponendoci un fido convenientissimo al tempo dei tassi bassi , con l’euribor fuori controllo in pochissimo tempo si sono fatti il malloppo, mettendomi nella condizione di non poter disporre del mio denaro e obbligata a sborsare interessi difficilmente recuperabili se non riportavo il fido in positivo. Per cui e facile capire come siano. riusciti a fare profitti se questo è il modus operandi che usano con tutti i clienti e sono tanti, che non comprendono bene le dinamiche finanziarie e magari non hanno la possibilità di rientrare velocemente del debito che sono obbligati a contrarre per mancanza di liquidità, strategicamente inglobata nel sistema finanziario studiato ad hoc per fregare i piccoli risparmiatori. E che non ci sia nessuno che vigila su queste scorrettezze, fa ancora più male, dopo una vita di lavoro finire in balia di questi delinquenti legalizzati non è stata un esperienza piacevole. Il libro di Alessandro Trinca “Un inganno criminale chiamato debito” spiega bene le dinamiche di questo bel sistema,
    consiglierei di leggerlo a tutti, prima di accettare prestiti da una banca.

  2. Sono grossi utili? forse. Dovrebbero andare in perdita ? Sono affermazioni un po’ populiste. Lì dentro ci lavora anche qualcuno. Tuttavia questi guadagni sono sciocchezze se si paragonano a quelli delle società di tecnologia e media americane. Le grandi tech, includendo anche le auto elettriche di Tesla, hanno accumulato profitti tra gennaio e marzo ( tre mesi ) per quasi 70 miliardi di dollari. Solo quattro Company.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI