venerdì 12 Aprile 2024

Ucraina: i cecchini che spararono ad Euromaidan nel 2014 non erano russi

I manifestanti ucraini uccisi nel centro di Kiev nel 2014 sono stati colpiti dalle forze dell’ordine nazionali e non da cecchini russi: è quanto emerge da un’indagine dei pubblici ministeri del Paese, che dimostra come l’ordine di sparare sui manifestanti riuniti in piazza dell’Indipendenza sia stato emesso dalle autorità ed eseguito dalle forze ucraine. A darne notizia è l’agenzia di stampa Interfax-Ucraina, che cita il procuratore Oleksii Donskyi. Le manifestazioni, iniziate nel 2013 in maniera pacifica, divennero violente dopo il 18 febbraio 2014, quando i cecchini iniziarono a sparare sulle persone riunite nell’area conosciuta come Maidan, causando 100 vittime in tre giorni tra manifestanti e poliziotti.

Ultime notizie

Fratelli d’Italia ha presentato un emendamento che reintroduce il carcere per i giornalisti

Attraverso alcuni emendamenti presentati ieri da Gianni Berrino, capogruppo di FDI in Commissione Giustizia a Palazzo Madama, il partito...

Uno studio ha verificato come ascoltare musica coinvolge cuore e stomaco

La musica non viene ascoltata solo con le orecchie, ma è un’esperienza che coinvolge tutto il corpo stimolando non...

La corsa degli USA per accaparrarsi le risorse africane e competere con la Cina

Un recente rapporto dell’Istituto per la Pace degli Stati Uniti (USIP) dal titolo “Perché i minerali critici dell’Africa sono...

Negli Stati Uniti si prepara la prima sperimentazione su larga scala di impianti cerebrali

Synchron Inc, azienda attiva nel settore degli impianti cerebrali, finanziata da Jeff Bezos e Bill Gates e concorrente di...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI