mercoledì 24 Aprile 2024

Mezzo milione di italiani ha smesso di guardare i telegiornali nell’ultimo anno

Nel 2023, si è verificato un vertiginoso crollo degli spettatori dei telegiornali italiani. I dati riferiti alla media dello share dei principali notiziari nel corso dell’anno che si è appena chiuso parlano chiaro: a registrare il flop più clamoroso sono i notiziari delle reti Rai – principalmente Rai 1 e Rai 2 – con -578mila spettatori. Va molto male anche ai tg delle reti Mediaset, che hanno complessivamente perso 238mila persone. L’unica emittente a guadagnare spettatori per il suo telegiornale è La7, che però si ferma solo a +4mila persone. E questo è solo l’ennesimo indicatore che dimostra come la maggior parte degli italiani, per informarsi, abbiano ormai abbandonato le modalità tradizionali, cercando invece canali alternativi a quelli mainstream.

Nello specifico, a sprofondare a livello di ascolti è stato, più di ogni altro, il Tg1. Nell’edizione delle 20, il telegiornale di Gian Marco Chiocci – che rimane, comunque, il più visto -, ha perso lo 0,5% di share e ben 336mila spettatori. Situazione simile per il Tg2, che ha perso mezzo punto di share e 160mila teste. Perdono rispettivamente 82mila e 68mila spettatori il Tg3 e i Tg Regionali, che riescono però a guadagnare lo 0,4% di share. In caduta libera anche il Tg5 di Clemente Mimun, che nell’edizione delle 20 ha perso lo 0,4% di share e ben 149mila persone. Non variano invece in maniera significativa i dati di Studio Aperto, tg di Italia Uno, che segna un +0,1% di share, e del Tg4, che scende degli stessi punti percentuale. Il TgLa7, notiziario di Enrico Mentana – l’unico a sorridere -, approfittando della disfatta delle reti del servizio pubblico e di quelle di Mediaset, segna invece un +0,3%, raggiungendo al 5,8% di share il Tg2.

Il crollo degli ascolti dei telegiornali italiani va di pari passo con quello degli introiti della stampa mainstream, che, specie nel settore del cartaceo, nel 2023 – ma la tendenza è ben visibile da tempo – hanno registrato un brusco calo. I dati, inerenti il primo semestre dello scorso anno, hanno infatti attestato che le copie vendute nel giorno medio sono state 1,49 milioni (cartaceo + digitale). Nei primi sei mesi del 2022 erano 1,60 milioni e, nella stessa fase del 2021, 1,74 milioni. La flessione registratasi nella prima metà del 2023 è di 112mila copie rispetto al 2022 (-7%) e di 248mila sul 2021 (-14,3%). Nello specifico, il canale che incide di più in questo decremento è quello delle edicole, che rappresenta il 70% del totale. In questo settore, si è registrato un calo di 117mila copie rispetto al 2022 (-10%) e di ben 244mila copie sul 2021 (-18,8%). Gli italiani non si muovono più per acquistare giornali di carta: 2.700 edicole sono scomparse in 4 anni, sparendo dal 25% dei comuni italiani. E ora i cittadini danno l’ultimo schiaffo all’informazione mainstream, abbandonano anche quello che, fino a poco tempo fa, era considerato l’“appuntamento fisso” con i tg della sera.

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

8 Commenti

  1. Tornare a un giornalismo di informazione punto. E anche coltivare un po di sani propositi sulle cose belle, amore , famiglia , bambini liberi di vivere la propria infanzia nei cortili, invece che davanti a una TV che spara solo idiozie senza capo ne coda. Oggi si vive nel terrore di fare e dire qualunque cosa che potrebbe finire nel tritacarne dell’informazione colpevolista per ogni virgola o espresione non stabilita. Inviterei tanti giornalisti a fare una bella riflessione sul modo di proporre le notizie coi titoloni solo per far leggere articoli che il più delle volte non dicono niente. La gente comincia a essere esasperata e dribla.

  2. Stando a quella che è oggi l’informazione chi ha voglia dopo una giornata di lavoro di sorbirsi sempre le solite solfe di destra e sinistra e disgrazie varie scarnificate all’esasperazione a limite dei film orror e il ripetere sempre le stesse identiche frasi per ogni delitto o fatto criminale quasi come uno sposonsor che fa marketing. Mi viene persino da pensare che siano su commisione per tutti i programmi che poi ci girano intorno

  3. Ma perché mai qualcuno deve pagare con abbonamento o sorbendosi pubblicità sempre più cretine, per farsi indottrinare?
    Altro che diminuzione di ascolti occorrerebbe l’aumento delle manifestazioni anti Guerra, anti Fascismo e anti Governo.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI