giovedì 18 Aprile 2024

Gaza: l’ONU approva la richiesta di cessate il fuoco, ma l’Italia si è astenuta

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha votato ieri sera una risoluzione che chiede un cessate il fuoco immediato a Gaza. A votare a favore sono stati 153 Paesi su 193 totali, mentre sono 23 gli astenuti (Italia compresa) e 10 quelli che hanno votato contro, tra i quali Israele e Stati Uniti. Pur non essendo vincolante, la risoluzione è espressione della posizione prevalente a livello internazionale, che desidera che si ponga fine una volta per tutte al conflitto.

Tra i 10 Paesi che hanno votato contro si contano, insieme a Stati Uniti e Israele, anche Austria, Repubblica Ceca, Guatemala, Liberia, Micronesia, Nauru, Papua Nuova Guinea e Paraguay. L’Italia è tra i 23 astenuti, insieme alla Germania e ad altri Paesi Membri dell’Unione europea (Lituania, Olanda, Bulgaria, Romania, Ungheria, Slovacchia). Tra gli astenuti vi sono poi Ucraina e Regno Unito, oltre ad Argentina, Capo Verde, Camerun, Guinea Equatoriale, Georgia, Malawi, Isole Marshall, Palau, Panama, Sud Sudan, Togo, Tonga e Uruguay.

Poco prima del voto, il presidente statunitense Joe Biden aveva dichiarato che Israele gode del sostegno della «maggior parte del mondo», inclusi Stati Uniti ed Unione europea, ma che sta perdendo consensi per via dei «bombardamenti indiscriminati». L’esito della votazione, tuttavia, mostra come a livello internazionale vi sia una netta volontà che si giunga alla fine del conflitto il più presto possibile. Anche nell’Unione europea prevale la linea del cessate il fuoco – la stragrande maggioranza degli Stati ha votato a favore, inclusa la Francia. Il voto arriva all’indomani del fallimento di una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite il quale, lo scorso venerdì, aveva chiesto un cessate il fuoco umanitario a Gaza. Di 15 Paesi votanti, in quel caso, 13 avevano votato a favore. Il Regno Unito si era astenuto, mentre gli Stati Uniti avevano votato contro. Tuttavia, essendo questi ultimi membro permanente del Consiglio, godono del diritto di veto sulle risoluzioni e quindi del potere di bloccarle anche se, come in questo caso, si tratta dell’unico voto contrario.

La votazione mostra come la posizione degli Stati Uniti sia sempre più isolata rispetto a quella della stragrande maggioranza dei Paesi delle Nazioni Unite. Dal canto suo Israele non sembra tuttavia intenzionato a prestare la minima attenzione all’esito della votazione – come successo, d’altronde, per tutte le precedenti risoluzioni dell’ONU non vincolanti. In queste ore, infatti, i raid israeliani sono continuati senza sosta, con bombardamenti a Khan Younis, nella Striscia di Gaza, e incursioni nella Cisgiordania occupata.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

  1. Non condivido minimamente la posizione del governo Meloni di astensione su una guerra così delicata che sta portando alla morte di tante vite, specie di piccoli che criminali non sono. Sono indignato. Dopo la II guerra mondiale, anziché fare una riflessione globale, si infrangono le regole per cui non si può attaccare ospedali, campi di rifugio. E questo è avvallato dai capi stato di alcuni paesi.

  2. Non condivido minimamente la posizione del gioverno Meloni di astensione su una guerra così delicata che sta portando alla morte di tante vite, specie di piccoli che criminali non sono. Sono indignato. Dopo la II guerra mondiale, anziché fare una riflessione globale, si infrangono le regole per cui non si può attaccare ospedali, campi di rifugio. E questo è avvallato dai capi stato di alcuni paesi.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI