venerdì 19 Luglio 2024

I lavoratori Amazon di Piacenza hanno convocato il picco dei ribelli

È stata un’intensa due giorni di sciopero quella che, martedì e ieri mattina, ha visto la mobilitazione dei lavoratori del più grande e importante stabilimento Amazon d’Italia, quello di Castel San Giovanni (Piacenza). Nel mirino della protesta avvenuta simbolicamente nel giorno del “Prime Day” – in cui gli abbonati al servizio Prime possono beneficiare di speciali sconti -, c’è l’annosa questione delle retribuzioni: per i sindacati, infatti, l’aumento dell’1% che l’azienda avrebbe proposto ai suoi dipendenti appare decisamente insufficiente. Alla base della levata di scudi c’è anche il mancato adeguamento di buoni pasto e welfare aziendale, nonché il mancato rinnovo del contratto, che solo a Piacenza è quello del Commercio e non della Logistica. I primi a incrociare le braccia sono stati 100 aderenti a Ugl, seguiti il giorno dopo da quelli dei confederali.

In seguito al fallimento delle trattative, le sigle sindacali Filcams Cgil, Nidil Cgil, Fisascat Cisl, Felsa Cisl, Uiltucs Uil e Uiltemp di Piacenza hanno proclamato lo sciopero per l’intera giornata di ieri. “Il nostro lavoro vale più dell’1% di aumento proposto dall’azienda” – si leggeva in un documento in cui hanno annunciato la manifestazione e convocato un presidio davanti ai cancelli dello stabilimento -. Abbiamo ricevuto dinieghi rispetto all’aumento dei buoni pasto e all’allargamento del welfare aziendale, inoltre l’azienda non ascolta i lavoratori sulle criticità su salute e sicurezza. Registriamo poi continue contestazioni per motivi del tutto futili e pretestuosi”. In conclusione, la nota ricordava che i lavoratori “pretendono il giusto rispetto per chi, tutti i giorni, contribuisce alla crescita di Amazon”.

Amazon ha subito replicato a lavoratori e sindacati. “Rivediamo regolarmente le retribuzioni attraverso un processo ben consolidato – ha scritto la multinazionale in un comunicato -. La retribuzione di ingresso prevista dal contratto nazionale del lavoro del commercio è pari a 1.655,98 euro. Amazon, grazie alla propria politica di revisione annuale degli stipendi, offre, a partire dal primo ottobre 2023, una retribuzione di ingresso di 1.765 euro, cioè circa il 7% in più rispetto a quanto previsto dal contratto”.

I sindacati hanno comunque indetto uno stato di agitazione con il blocco degli straordinari, puntando il dito sugli extraprofitti che la multinazionale ha incamerato di recente. «I lavoratori – hanno dichiarato i membri di Ugl – chiedono da diversi anni un premio legato al risultato, cioè condividere un obiettivo con l’azienda raggiunto il quale i lavoratori hanno un vantaggio economico».

[di Stefano Baudino]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI