giovedì 18 Luglio 2024

La città di Catania ha nominato Julian Assange cittadino onorario

Julian Assange ha ottenuto la cittadinanza onoraria di Catania. È infatti stata votata a maggioranza la mozione del Movimento 5 Stelle che la proponeva. Non è la prima volta che accade: l’ambita onorificenza per il giornalista e attivista australiano è già stata approvata dai Consigli comunali di Napoli, Reggio Emilia, Pescara, Viareggio (Lucca), Castelnuovo Cilento (Salerno), Marcellinara (Catanzaro) e Lucera (Foggia).

«Assange ha pagato un prezzo durissimo per il suo coraggio e la sua onestà intellettuale, ha perduto la libertà e ora rischia la vita – ha affermato Graziano Bonaccorsi, capogruppo M5s e primo firmatario della mozione -. Non possiamo più stare a guardare e consentire che chi si è battuto per la libertà d’informazione sia sottratto ingiustamente alla sua famiglia e finisca i suoi giorni in prigione in condizioni disumane. Chi tace è complice».

Julian Assange è il fondatore di Wikileaks, portale in cui, nel 2010, diffuse centinaia di migliaia di file riservati americani, tra cui quelli relativi ai crimini di guerra perpetrati in Iraq e Afghanistan. Per questo, le autorità di Washington gli contestano 18 capi d’accusa per la complicità nell’hackeraggio dell’archivio del Pentagono e per la violazione della legge statunitense sullo spionaggio.

Dal 2019, Assange si trova recluso nel carcere londinese di Belmarsh. In primo grado, nel gennaio 2021, il Tribunale inglese aveva negato l’estradizione del giornalista richiesta dagli Stati Uniti, ma nel dicembre dello stesso anno la Corte d’Appello ha ribaltato la decisione. Il 21 aprile 2022 la Westminster Magistrates’ Court di Londra ha emesso l’ordine formale di estradizione negli Usa per Assange e, due mesi dopo, la ministra degli interni Priti Patel ha apposto il suo timbro finale sulla decisione. Negli Stati Uniti, Assange rischia ora fino a 175 anni di carcere.

[di Stefano Baudino]

.

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI