sabato 25 Maggio 2024

Il lisciante per capelli è cancerogeno: ondata di cause contro la multinazionale L’Oréal

“I vostri prodotti per lisciare i capelli contengono sostanze chimiche che provocano il cancro e altri problemi di salute”. Recitano così le quasi 60 cause legali intentante in diversi Paesi degli Stati Uniti contro la multinazionale specializzata in prodotti di cosmetica e bellezza L’Oréal – e altre società simili – che nelle prossime settimane saranno giudicate tutte insieme in un tribunale federale di Chicago. L’accusa, tra l’altro, sostiene che le aziende erano a conoscenza della pericolosità dei prodotti, ma hanno comunque continuato a venderli.

Mentre L’Oréal ha scritto in un comunicato di essere “fiduciosa nella sicurezza dei nostri prodotti e di ritenere che le recenti azioni legali intentate contro di noi non abbiano valore legale”, dall’altra parte uno studio del National Institutes of Health – l’agenzia governativa USA responsabile della ricerca biomedica e della salute pubblica – pubblicato lo scorso ottobre ha evidenziato che le donne che hanno utilizzato ripetutamente i suoi prodotti – per più volte all’anno – hanno più del doppio delle probabilità di sviluppare il cancro uterino.

L’agenzia, che per il suo studio tra il 2003 e il 2009 ha esaminato quasi 34mila partecipanti di etnia diversa e con un’età compresa tra 35 e 74 anni, servendosi di questionari periodici sul loro uso di prodotti per capelli, dopo 11 anni di monitoraggio è arrivata alla conclusione che: l’utilizzo piuttosto costante di prodotti liscianti – contenenti sostanze chimiche come parabeni, bisfenolo A, metalli e formaldeide – è associato a tassi di cancro uterino più elevati (HR = 1,80, IC 95% = da 1,12 a 2,88) rispetto a chi non ne ha mai usufruito.

E pare che per le donne afroamericane – anche se non ci sono evidenze scientifiche su questo aspetto – il rischio sia ancora più elevato. Il Dottor Che-Jung Chang, uno degli autori dello studio, ha spiegato che tale tendenza potrebbe essere giustificata dal fatto che le ragazze nere utilizzerebbero più frequentemente i prodotti per lisciare i capelli e comincerebbero a farlo già in giovane età. Tra queste c’è anche Jennifer Mitchell, una delle donne che ha denunciato la multinazionale e a cui è stato diagnosticato un cancro uterino nel 2018, dopo aver utilizzato i prodotti L’Oreal per i 18 anni precedenti, da quando cioè aveva 10 anni. Diandra Debrosse Zimmermann, la sua avvocata ha tra l’altro dichiarato che il suo studio ha già altre clienti che lamentano circostanze simili. E probabilmente in futuro ce ne saranno molte altre: «Tante donne si faranno avanti nelle prossime settimane e mesi per cercare responsabilità», soprattutto perché la società ha tratto profitto, in modo significativo, da una condotta non etica e illegale che ha «indotto la querelante ad acquistare e utilizzare abitualmente un prodotto pericoloso e tossico».

Sebbene il cancro uterino sia meno diffuso rispetto ad altre forme tumorali, rimane uno dei più comuni nell’universo femminile: negli USA i casi sono stati 65mila solo nel 2022, con 12mila decessi – con tassi in aumento in particolare tra le donne nere. L’esposizione a un eccesso di estrogeni sintetici – come le sostanze chimiche – creerebbe uno squilibrio ormonale e altererebbe il sistema endocrino: elementi che costituirebbero un fattore di rischio chiave per il cancro uterino.

[di Gloria Ferrari]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Ti è piaciuto questo articolo? Pensi sia importante che notizie e informazioni come queste vengano pubblicate e lette da sempre più persone? Sostieni il nostro lavoro con una donazione. Grazie.

Articoli correlati

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI