lunedì 26 Febbraio 2024

Berlino pronta a inviare carri armati a Kiev

Dopo un lungo periodo di indecisione il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha deciso di inviare i carri armati Leopard all’Ucraina. Lo rivela Der Spiegel sul suo sito web, informando che Berlino consegnerà un’intera compagnia di carri armati del modello 2A6. Anche gli Usa sarebbero pronti a mandare un significativo numero di carri armati Abrams M1 all’Ucraina secondo il Wall Street Journal. La decisione di Washington aprirebbe al via libera di Berlino all’invio di un numero minore di propri carri armati Leopard 2 e all’approvazione del trasferimento di un numero maggiore di carri armati di fabbricazione tedesca da parte di Polonia e altri Paesi all’Ucraina. Da parte sua, il Cremlino ha avvertito che la fornitura di carrarmati tedeschi “non porta nulla di buono”, ma contribuirà a inasprire ulteriormente le relazioni tra Russia ed Europa.

Ultime notizie

L’ONU ha chiesto l’embargo immediato sulla vendita di armi a Israele

Qualsiasi trasferimento di armi o munizioni che verranno utilizzate a Gaza da Israele «violerà probabilmente il diritto umanitario internazionale...

La lunga scia di violazioni del Diritto Internazionale da parte di Israele

Seppure riconosciute come fenomeno distruttivo, che implica il ricorso alla violenza e all’uso delle forze armate per raggiungere obiettivi...

Alberi abbattuti, attività smantellate: iniziano i lavori per la pista da bob di Cortina ’26

Il 21 febbraio a Cortina d’Ampezzo sono iniziati i lavori per la costruzione della nuova pista da bob in...

Scoperto un quasar da record che cresce “divorando” un Sole al giorno

Si chiama J0529-4351, dista oltre 12 miliardi di luce dalla Terra, “inghiotte” ogni giorno più massa di quella contenuta...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI