sabato 28 Gennaio 2023

L’anarchico Cospito è al limite, ma il ministro Nordio non interviene

Alfredo Cospito sta portando avanti da 3 mesi uno sciopero della fame per protestare contro la detenzione al 41-bis che gli è stata imposta: le sue condizioni sono al limite, tuttavia il ministro Nordio non ha manifestato l’intenzione di intervenire. Nei giorni scorsi Nordio aveva infatti sottolineato come non fosse giunta da parte dell’avvocato dell’anarchico nessuna richiesta formale di revisione della misura ma, anche una volta che questa è stata recapitata, nulla si è mosso. L’avvocato ha quindi reso pubbliche alcune righe scritte da Cospito: “In pieno possesso delle mie capacità mentali mi opporrò con tutte le forze all’alimentazione forzata. Saranno costretti a legarmi nel letto. Dico questo perché ultimamente mi è stata adombrata la possibilità di un T.S.O. (trattamento sanitario obbligatorio). Alla loro spietatezza ed accanimento opporrò la mia forza, tenacia e la volontà di un anarchico e rivoluzionario cosciente. Andrò avanti fino alla fine. Contro il 41 bis e l’ergastolo ostativo. La vita non ha senso in questa tomba per vivi”.

Ultime notizie

L’emergenza invisibile delle carceri italiane ha radici profonde

Un argomento sottovalutato e spesso trascurato nel dibattito pubblico, dai media e dalla politica è quello del sistema carcerario...

Annegati dopo l’intervento della polizia: Padova chiede la verità

Il 10 gennaio scorso Oussama Ben Rebha, tunisino di 23 anni, è morto annegato nelle acque del Brenta, a...

La creatività delle intelligenze artificiali finisce in tribunale

Nel rendere facilmente accessibile il proprio generatore di immagini, l’azienda OpenAI ha portato avanti una strategia di marketing dal...

Barbecue e pettegolezzo, comicità e potere

Vorrei iniziare con una curiosità: barbecue e pettegolezzo sono parole con qualche comunanza di significato. Barbecue è termine francese che...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI