domenica 29 Gennaio 2023

Covid, quarantena e mascherine: cambiano ancora le regole

Il governo ha diffuso la circolare contenente le nuove disposizioni per coloro che risultino positivi al virus SARS-CoV-2 e chi vi entri in stretto contatto, definite in seguito alla conversione in legge del dl 162/22, il cosiddetto “Decreto rave”. Al suo interno sono previste anche norme specifiche per i cittadini che provengano dalla Repubblica Popolare Cinese, i quali dovranno attenersi a misure di sicurezza aggiuntive.

Coloro che risultino positivi al test antigenico o molecolare devono sottoporsi a isolamento. Questo può terminare dopo cinque giorni per gli asintomatici o per coloro che non presentino sintomi da almeno due giorni, a prescindere dall’esito di un eventuale nuovo test. Per i positivi asintomatici, l’isolamento potrà terminare anche prima in caso di test negativo. I soggetti immunodepressi e i sanitari sono tenuti a sottoporsi a isolamento fino a quando il test risulti negativo. L’uso di mascherine FFP2 è in ogni caso obbligatorio fino al decimo giorno dall’inizio dei sintomi o del primo test positivo, con raccomandazione di evitare luoghi affollati – precauzioni che decadono dal momento in cui il test risulti negativo.

Coloro che si sono trovati a stretto contatto con un caso confermato dovranno sottoporti a regime di autosorveglianza, con obbligo di indossare mascherina FFP2 al chiuso o in presenza di assembramenti fino al quinto giorno dalla data del contatto stretto. In caso di comparsa di sintomi, l’esecuzione di test antigenico o molecolare è raccomandata, ma non obbligatoria. Gli operatori sanitari dovranno invece sottoporsi a test giornaliero fino al quinto giorno dal contatto.

Per quanto riguarda i casi confermati di cittadini giunti in Italia dalla Cina nei 7 giorni precedenti il primo test positivo, l’isolamento potrà terminare dopo un minimo di 5 giorni dal primo test, se asintomatici da almeno due giorni e negativi a un test antigenico o molecolare.

[di Valeria Casolaro]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

Articoli correlati

3 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Articoli nella stessa categoria

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI