venerdì 3 Febbraio 2023

Brasile, ordigni per fermare l’insediamento di Lula

Un uomo è stato fermato oggi con l’accusa di aver piazzato un ordigno su di una cisterna, il quale sarebbe dovuto esplodere nei pressi dell’aeroporto di Brasilia. Il fine sarebbe stato «far scoppiare il caos» e impedire «l’avvento del comunismo» e del nuovo presidente Lula in Brasile. Al piano avrebbero partecipato anche altri sostenitori di Bolsonaro, i quali avrebbero dovuto piazzare almeno altre due bombe in posizioni strategiche per spingere alla dichiarazione di “stato di assedio” in Brasile, provocando anche l’intervento delle forze armate. Nell’appartamento dell’arrestato è stato ritrovato un arsenale di armi del valore di 31mila dollari.

Ultime notizie

Scaduti 122 milioni di vaccini Covid: l’Italia ha regalato 2 miliardi a Big Pharma

Con il retrocedere dell'emergenza legata alla pandemia da Covid-19, esplosa nel 2020, sono sempre meno gli italiani che decidono...

Trendcore e FOMO: le strategie con cui la moda crea dipendenza sui social

Una volta la Moda aveva il buon gusto di cambiare con tempi lenti e cadenzati: fino all’Ottocento le tendenze...

Vasto: la polizia minaccia con il taser un commerciante disarmato e sua moglie

Quella di Vasto, in provincia di Chieti, sembrerebbe a tutti gli effetti un’altra storia di abuso di potere da...

L’energia rinnovabile corre in tutta Europa, ma l’Italia procede in retromarcia

Per la prima volta nella storia, nel 2022, l’energia eolica e quella solare hanno superato il gas in fatto...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI