martedì 3 Ottobre 2023

Meloni in Iraq per rafforzare relazioni bilaterali

La presidente del Consiglio, Giorgia Meloni, è giunta a Baghdad, in Iraq, dove questa mattina è stata accolta dal premier Mohammed Shia Al Sudani con cui ha avuto un colloquio al Palazzo del governo. Nella capitale irachena, Meloni ha incontrato l’ambasciatore italiano Maurizio Greganti e, alla base militare Union 3 – sede dei Comandi della Missione Nato (NMI) e della Coalizione anti-Daesh (OIR) – il comandante della missione, il generale di Corpo d’Armata Giovanni Maria Iannucci, oltre a una rappresentanza di militari italiani e il personale del contingente militare italiano in Iraq. «Sono davvero molto lieta di essere oggi qui in Iraq in quello che rappresenta la mia prima missione bilaterale fuori dall’Europa», ha affermato la Premier, aggiungendo che «Le nostre relazioni bilaterali sono intense e hanno radici profonde. Collaboriamo dal punto di vista energetico, industriale e culturale. […] Il 2023 deve rappresentare l’anno della svolta delle nostre relazioni bilaterali».

Ultime notizie

FICo: la “Disneyland del cibo” di Bologna è un colossale fallimento

L’idea di F.I.Co (Fabbrica Italiana Contadina), presentata nel 2013 dal duo renziano Farinetti e Segré (il primo patron di...

In Italia aumentano le minacce ai giornalisti, ma diminuiscono le denunce

In Italia, il numero delle minacce rivolte ai giornalisti è in crescita, mentre diminuisce progressivamente quello delle loro denunce....

Il Partito curdo dei lavoratori annuncia il ritorno della lotta armata in Turchia

Domenica mattina, intorno alle 9.30 (ora locale), due persone (successivamente identificati come Rojhat Zilan e Erdal Şahin) hanno fatto...

Una sentenza del tribunale di Catania smonta il decreto del governo sui migranti

Il decreto immigrazione varato il 14 settembre dall'Esecutivo è “illegittimo in più parti”. Lo ha stabilito il tribunale di...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI