mercoledì 1 Febbraio 2023

I sindacati contro la manovra: indetti scioperi in 11 regioni

È previsto per la giornata di oggi uno sciopero indetto da CIGL e UIL in 11 regioni che colpirà tutti i settori, dai trasporti alla sanità alle banche. Manifestazioni e scioperi sono promossi dalle due sigle sindacali e organizzati a livello regionale «per cambiare una manovra sbagliata e contro il lavoro, per rivendicare una manovra più giusta per le persone e più utile per il Paese». I sindacati chiedono di aumentare i salari detassando gli aumenti dei contratti nazionali, portando la decontribuzione al 5% per i salari fino a 35.000 euro. La CISL, invece, conferma, attraverso il suo segretario generale, la contrarietà allo sciopero. A Roma, l’azienda dei trasporti Atac ha comunicato che lo sciopero coinvolgerà l’intera rete tra le 20.00 e mezzanotte, mentre a Milano il personale Atm sciopererà tra le 18 e le 22. Sempre in Lombardia dalle ore 09.00 alle ore 13.00 è indetto anche uno sciopero del personale Trenord.

 

Ultime notizie

Nella nuova strategia del governo tutto è concesso contro Alfredo Cospito

Il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli ha commentato, durante l'approvazione del disegno di legge per l’istituzione della Commissione...

Ucraina, un’arma tira l’altra: ora Kiev vuole caccia e missili a lungo raggio

Dopo l’invio del lanciarazzi multiplo HIMARS, prima, e la decisione di inviare i carrarmati tedeschi e americani, dopo, ora...

Caro bollette e riscaldamenti rotti: proteste in tutta Italia per il freddo a scuola

I problemi strutturali nelle scuole di tutta Italia hanno causato l'interruzione delle lezioni in diverse città, dopo che gli...

Tutta Europa è alle prese con picchi di mortalità apparentemente inspiegabili

Nell'ultimo periodo una problematica di cui poco si parla, ma che interessa diversi paesi appartenenti all'Unione europea e non...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI