giovedì 2 Febbraio 2023

USA-Russia: lo scambio di prigionieri permette la liberazione di Brittney Griner

La cestista americana Brittney Griner, detenuta da mesi in Russia, è stata liberata grazie allo scambio di prigionieri avvenuto con il trafficante di armi Viktor Bout. Ad annunciarlo è stato Joe Biden tramite Twitter, il quale ha sottolineato che la giocatrice si trova già su un aereo diretta a casa.

Griner, ex cestista statunitense, era stata arrestata lo scorso febbraio all’aeroporto Sheremetyevo di Mosca. Ad agosto venne poi condannata a 9 anni e mezzo di carcere per possesso e traffico di stupefacenti in Russia. Al momento dell’arresto, Griner era stata trovata con meno di un grammo di olio di hashish.

Lo scambio di prigionieri, che ne ha permesso la liberazione, è avvenuto con Viktor Bout, trafficante d’armi detenuto negli Stati Uniti e condannato per terrorismo a 25 anni.

Ultime notizie

Nuovo scandalo al Parlamento UE: francesi indagati per appropriazione di fondi pubblici

Piove sul bagnato a Strasburgo, sede del Parlamento Europeo. Dopo lo scandalo del Qatargate, 13 ex eurodeputati francesi sono...

Nella nuova strategia del governo tutto è concesso contro Alfredo Cospito

Il deputato di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli ha commentato, durante l'approvazione del disegno di legge per l’istituzione della Commissione...

Ucraina, un’arma tira l’altra: ora Kiev vuole caccia e missili a lungo raggio

Dopo l’invio del lanciarazzi multiplo HIMARS, prima, e la decisione di inviare i carrarmati tedeschi e americani, dopo, ora...

Caro bollette e riscaldamenti rotti: proteste in tutta Italia per il freddo a scuola

I problemi strutturali nelle scuole di tutta Italia hanno causato l'interruzione delle lezioni in diverse città, dopo che gli...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI