sabato 10 Dicembre 2022

Trivelle in Adriatico, associazioni ambientaliste contro il Governo

Le associazioni ambientaliste Greenpeace, Legambiente e WWF si sono fermamente schierate contro il decreto annunciato dal Governo Meloni, il quale, tra le altre cose, prevede nuove trivellazioni lungo le coste adriatiche. Se confermato, secondo le associazioni, si tratterebbe di un regalo alle industrie petrolifere estrattive, in primis all’ENI, mentre il vantaggio per le industrie energivore annunciato dal Governo appare essere del tutto marginale e sulla strada sbagliata rispetto agli impegni per la decarbonizzazione assunti dall’Italia. «Secondo le stime del Governo – sottolineano gli ambientalisti – l’incremento atteso con l’emendamento ‘sblocca trivelle’ è di 15 miliardi di metri cubi in 10 anni, cioè 1,5 miliardi di metri cubi l’anno, che sarebbero equivalenti solo all’1,9% del fabbisogno nazionale». Un aumento inconsistente che richiederebbe poi tempi incompatibili con la risoluzione del rincaro energetico.

Ultime notizie

Dopo 30 anni il Regno Unito torna ad aprire le centrali a carbone

Il governo britannico ha approvato il progetto di una nuova miniera di carbone a Whitehaven, nel nord est dell'Inghilterra,...

Come la dieta quotidiana può aiutare a prevenire demenza e Alzheimer

Cominciamo col dare subito una buona notizia: è stato dimostrato che le probabilità di sviluppare una demenza diminuiscono se...

La RAI mostra le immagini dei bombardamenti ucraini su Donetsk spacciandoli per russi

«È l’ennesima strage di civili quella del mercato di Kurakhove nel Donetsk, ci sono 8 morti e almeno 5...

L’altro Mondiale: cronache assurde da Qatar ’22 (terza puntata)

Benvenute e benvenuti alla terza puntata di: L'altro Mondiale, che questa volta è abbastanza puntuale, quasi quanto le indagini...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI