sabato 10 Dicembre 2022

Sostenibilità, svelato il greenwashing militare della NATO

La NATO ha reso pubblica la propria strategia per ridurre le emissioni, arrivando ad azzerarle nel 2050, ma non ha rivelato quali siano le metodologie adottate per il monitoraggio. A denunciarlo l’organizzazione Conflict and Environment Observatory, che ha lanciato una campagna per chiedere che vengano forniti dati accessibili e obiettivi misurabili. «La comunicazione in merito è stata volutamente ambigua» ha riferito una portavoce dell’organizzazione, che spiega come l’obiettivo “zero netto” venga applicato solo alla NATO in quanto istituzione, ma «non agli apparati militari dei Paesi che aderiscono al Patto atlantico e che sono i primi responsabili della produzione di gas climalteranti».

Ultime notizie

Dopo 30 anni il Regno Unito torna ad aprire le centrali a carbone

Il governo britannico ha approvato il progetto di una nuova miniera di carbone a Whitehaven, nel nord est dell'Inghilterra,...

Come la dieta quotidiana può aiutare a prevenire demenza e Alzheimer

Cominciamo col dare subito una buona notizia: è stato dimostrato che le probabilità di sviluppare una demenza diminuiscono se...

La RAI mostra le immagini dei bombardamenti ucraini su Donetsk spacciandoli per russi

«È l’ennesima strage di civili quella del mercato di Kurakhove nel Donetsk, ci sono 8 morti e almeno 5...

L’altro Mondiale: cronache assurde da Qatar ’22 (terza puntata)

Benvenute e benvenuti alla terza puntata di: L'altro Mondiale, che questa volta è abbastanza puntuale, quasi quanto le indagini...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI