sabato 10 Dicembre 2022

Serbia e Ungheria concordano costruzione di nuovo oleodotto per inviare petrolio russo a Belgrado

L’Ungheria e la Serbia hanno concordato di costruire un nuovo oleodotto per fornire a Belgrado il greggio russo degli Urali proveniente dall’oleodotto di Druzhba, o oleodotto dell’Amicizia, poiché le spedizioni verso Belgrado attraverso la Croazia sono soggette alle sanzioni dell’Ue, ha affermato lunedì il governo ungherese. Il portavoce del governo ungherese Zoltan Kovacs ha scritto su Twitter: «Il nuovo oleodotto consentirebbe alla Serbia di avere petrolio greggio degli Urali più economico, collegandolo all’oleodotto dell’Amicizia». Fino ad ora, la Serbia importava il petrolio tramite l’oleodotto JANAF dalla Croazia, ma a causa delle sanzioni ciò non sarà più possibile. All’inizio di questo mese, l’Ungheria ha anche affermato che avrebbe aiutato Belgrado con il gas, se necessario. Nonostante Budapest sia strenuamente avversa alle sanzioni imposte dalla Ue alla Russia, ha sostenuto l’ultimo pacchetto di sanzioni stabilito da Bruxelles.

Ultime notizie

Dopo 30 anni il Regno Unito torna ad aprire le centrali a carbone

Il governo britannico ha approvato il progetto di una nuova miniera di carbone a Whitehaven, nel nord est dell'Inghilterra,...

Come la dieta quotidiana può aiutare a prevenire demenza e Alzheimer

Cominciamo col dare subito una buona notizia: è stato dimostrato che le probabilità di sviluppare una demenza diminuiscono se...

La RAI mostra le immagini dei bombardamenti ucraini su Donetsk spacciandoli per russi

«È l’ennesima strage di civili quella del mercato di Kurakhove nel Donetsk, ci sono 8 morti e almeno 5...

L’altro Mondiale: cronache assurde da Qatar ’22 (terza puntata)

Benvenute e benvenuti alla terza puntata di: L'altro Mondiale, che questa volta è abbastanza puntuale, quasi quanto le indagini...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI