giovedì 1 Dicembre 2022

L’Onu chiede alle Banche centrali lo stop al rialzo dei tassi

La United Nations Conference on Trade and Development (UNCTAD) dell’ONU ha emanato un comunicato allarmante, a margine della presentazione del suo report annuale, in cui sottolinea come una eccessiva contrazione monetaria, dovuta all’aumento dei tassi d’interesse decisa dalle banche centrali, potrebbe innescare un periodo di stagnazione e instabilità economica per alcune nazioni. Secondo l’organizzazione internazionale, ogni certezza riguardo la capacità delle Banche centrali di abbattere i prezzi attraverso l’aumento dei tassi di interessi, senza che questo generi una recessione, è da considerarsi una scommessa imprudente. «Il mondo è diretto verso una recessione globale e una stagnazione prolungata a meno che non cambiamo rapidamente l’attuale corso politico di inasprimento monetario e fiscale nelle economie avanzate», si legge nel Trade and Development report del 2022.

Ultime notizie

Il Qatar è già campione del mondo dello sfruttamento

Il mondiale è appena iniziato ma i suoi preparativi vanno avanti incessantemente dal 2020, quando il Qatar si è...

Lockdown: ora Trudeau e Bassetti difendono le proteste in Cina (sconfessandosi da soli)

«Tutti in Cina dovrebbero essere autorizzati a protestare. Continueremo ad assicurarci che la Cina sappia che sosterremo i diritti...

L’altro Mondiale: cronache, aneddoti e assurdità da Qatar ’22

Benvenute e benvenuti alla seconda puntata de l'altro mondiale, scusate il ritardo, ma le cose serie hanno preso il...

Il governo stanzia altri 400 milioni per le Olimpiadi 2026, quelle a “costo zero”

I XXV Giochi olimpici e paralimpici invernali si terranno dal 6 al 22 febbraio 2026 a Milano e Cortina...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI