lunedì 15 Agosto 2022

Ex Ilva, lo stato si prepara a spendere altri soldi per tenere in vita le acciaierie

Il Governo va ancora una volta in soccorso finanziario dell’ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia, per aiutarla a sopravvivere alla cronica crisi di liquidità. Sul tavolo del Consiglio dei ministri, nell’ambito del decreto Aiuti Bis, c’è una norma specifica per l’azienda dell’acciaio partecipata in minoranza dallo Stato attraverso Invitalia. Ad annunciarlo è stato il ministro dello Sviluppo Economico, Giancarlo Giorgetti La cifra non è ancora stata resa pubblica, ma sarebbe tra i 500 milioni e il miliardo di euro. Fondi pubblici che serviranno a mantenere in funzione le acciaierie di Taranto, per la chiusura delle quali da anni si battono comitati locali e cittadini costretti a convivere con un impianto il cui nesso con il tasso ampiamente sopra la media nazionale di melanomi e tumori che si registrano in città è evidente ed ormai provato ogni ragionevole dubbio.

Ultime notizie

Campi di riso e mais concimati con i fanghi delle fognature? Incredibile ma vero

Quel che resta dello scarto degli impianti di depurazione fognaria diventa fertilizzante sui campi coltivabili. Tutto legale, permesso dalle...

(Monthly report n.13) Con la suola delle scarpe

È uscito il tredicesimo numero del Monthly Report: la rivista de L’Indipendente che ogni mese fa luce su un...

Le radici storiche della questione taiwanese e dello scontro USA – Cina

La riunificazione di Pechino con Taiwan rappresenta la priorità politico strategica del secolo per la Repubblica popolare cinese (RPC),...

Sfattoria: il Tar sospende l’uccisione degli animali, per ora

Nel pomeriggio di sabato 13 agosto il Tar del Lazio ha infine accolto la richiesta di sospensiva urgente del...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI