lunedì 6 Febbraio 2023

Siccità, Ispra: in 30 anni disponibilità acqua ridotta del 19%

“Il valore annuo medio di risorsa idrica disponibile per l’ultimo trentennio 1991– 2020 è ridotto del 19% rispetto a quello relativo al trentennio 1921–1950, stimato dalla Conferenza Nazionale delle Acque tenutasi nel 1971 e che rappresenta il valore di riferimento storico”. A renderlo noto è l’Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale) tramite un comunicato stampa, nel quale viene inoltre aggiunto che “le ultime riunioni degli Osservatori distrettuali permanenti per gli utilizzi idrici, a cui l’Ispra ha partecipato, hanno confermato uno scenario di severità idrica alta per i distretti del Fiume Po, delle Alpi Orientali (ad eccezione del bacino dell’Adige per il quale la severità è media) e dell’Appennino Settentrionale”, mentre “uno scenario di severità idrica media, con trend in peggioramento, riguarda il distretto dell’Appennino Centrale”.

Ultime notizie

Vaccini Covid: ora anche i ricercatori dell’ISS chiedono di rivalutare rischi e benefici

Tre ricercatori del Centro nazionale per il controllo e la valutazione dei farmaci, afferente all'Istituto Superiore della Sanità (ISS),...

La guerra in Ucraina logora chi (ufficialmente) non la fa?

Scriveva lo storico Fabrizio Maria Lo Monaco che “La diplomazia a volte conta più della politica” e, se questo...

L’ultima puntanta dei Twitter Files svela la bufala dei bot russi

«Era una truffa». Così nella quindicesima puntata dei Twitter Files, il giornalista indipendente Matt Taibbi ha smontato l’accusa di...

I portuali di Genova chiamano tutti a una grande manifestazione per la pace il 25 febbraio

I portuali del CALP (Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali) di Genova, da anni impegnati nel contrasto al traffico di armi...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI