martedì 9 Agosto 2022

Il Premier libico propone le dimissioni del governo

In seguito alle proteste violente che hanno scosso tutta la Libia negli ultimi giorni – a causa del carovita e della corruzione – il premier libico Abdel Hamid Dbeibah ha proposto le dimissioni collettive di tutte le istituzioni politiche e di indire subito nuove elezioni. «Aggiungo la mia voce ai manifestanti in tutto il Paese: tutti gli organi politici devono dimettersi, compreso il governo, e non c’è modo per farlo se non attraverso le elezioni», ha scritto Dbeibah su Twitter. Dopo l’annullamento delle elezioni previste lo scorso dicembre, la classe politica libica non è stata in grado di convocarne di nuove, così la piazza ha chiesto un voto presidenziale e legislativo entro l’anno. L’appello è stato raccolto dal premier Dbeibah, anche in seguito ai fallimenti di mediazione dell’ONU tra il governo di Tripoli e quello rivale, sostenuto dal generale Haftar.

Ultime notizie

Il caso di Frigolandia, quando la cultura fa paura

Frigolandia, realtà unica nel suo genere immersa nel comune di Giano dell'Umbria, potrebbe non esistere più. La battaglia contro...

Per un pugno di poltrone: il gran ballo dei partitini di governo

A pochi giorni dall’annuncio dell’alleanza, il leader di "Azione", Carlo Calenda, ha già rotto il patto siglato il Partito...

Le società energetiche si stanno rifiutando di pagare le tasse sugli extra profitti

Secondo le stime del governo Draghi, ad oggi il nostro paese avrebbe già dovuto incassare la metà dei 10...

Vaiolo delle scimmie, al via la vaccinazione in Italia: ecco la circolare

Il ministero della Salute ha emesso due circolari per organizzare la distribuzione e i consigli di somministrazione delle prime...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI