lunedì 6 Febbraio 2023

Il Premier libico propone le dimissioni del governo

In seguito alle proteste violente che hanno scosso tutta la Libia negli ultimi giorni – a causa del carovita e della corruzione – il premier libico Abdel Hamid Dbeibah ha proposto le dimissioni collettive di tutte le istituzioni politiche e di indire subito nuove elezioni. «Aggiungo la mia voce ai manifestanti in tutto il Paese: tutti gli organi politici devono dimettersi, compreso il governo, e non c’è modo per farlo se non attraverso le elezioni», ha scritto Dbeibah su Twitter. Dopo l’annullamento delle elezioni previste lo scorso dicembre, la classe politica libica non è stata in grado di convocarne di nuove, così la piazza ha chiesto un voto presidenziale e legislativo entro l’anno. L’appello è stato raccolto dal premier Dbeibah, anche in seguito ai fallimenti di mediazione dell’ONU tra il governo di Tripoli e quello rivale, sostenuto dal generale Haftar.

Ultime notizie

Vaccini Covid: ora anche i ricercatori dell’ISS chiedono di rivalutare rischi e benefici

Tre ricercatori del Centro nazionale per il controllo e la valutazione dei farmaci, afferente all'Istituto Superiore della Sanità (ISS),...

La guerra in Ucraina logora chi (ufficialmente) non la fa?

Scriveva lo storico Fabrizio Maria Lo Monaco che “La diplomazia a volte conta più della politica” e, se questo...

L’ultima puntanta dei Twitter Files svela la bufala dei bot russi

«Era una truffa». Così nella quindicesima puntata dei Twitter Files, il giornalista indipendente Matt Taibbi ha smontato l’accusa di...

I portuali di Genova chiamano tutti a una grande manifestazione per la pace il 25 febbraio

I portuali del CALP (Collettivo Autonomo Lavoratori Portuali) di Genova, da anni impegnati nel contrasto al traffico di armi...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI