martedì 9 Agosto 2022

Lucera è la prima città italiana a concedere la cittadinanza a Julian Assange

Il Comune di Lucera è il primo ente locale ad avere conferito in Italia la cittadinanza onoraria a Julian Assange, il giornalista australiano detenuto in Regno Unito per il suo lavoro e per la diffusione di documenti e informazioni che hanno mostrato le violenze commesse dall’esercito statunitense in Iraq e Afghanistan. La votazione del Consiglio Comunale, proposta dal consigliere Davide Colucci su iniziativa della Federazione regionale della Puglia del Partito Comunista, si è conclusa con 11 voti favorevoli, 5 astenuti e nessun contrario. «Assange è un simbolo su cui dobbiamo tenere sempre alta l’attenzione, anche per quello che può rappresentare nel nostro paese. Abbiamo bisogno di giornalisti liberi e portatori di verità», ha dichiarato Colucci al termine dell’incontro.

Lucera è riuscita dove altre città italiane avevano fallito. Si pensi a Milano, dove il Pd ha affossato una mozione di Europa verde che proponeva il conferimento a Julian Assange della cittadinanza onoraria milanese e si opponeva formalmente alla sua estradizione dal Regno Unito agli Stati Uniti. Qualcosa si è invece smosso all’estero: Jean-Luc Mélenchon – leader dell’alleanza di Sinistra Nupes che in Francia ha sfidato Macron e ottenuto 135 seggi nelle ultime elezioni legislative – ha infatti affermato che nel caso in cui dovesse diventare primo ministro concederebbe la «naturalizzazione francese» ad Assange.

[di Salvatore Toscano]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

4 Commenti

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI