sabato 25 Giugno 2022

La Cina avverte l’UE: le sanzioni non risolvono crisi in Ucraina

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, ha dichiarato che le sanzioni hanno dimostrato di non essere «un modo corretto per risolvere la crisi in Ucraina». In seguito al briefing quotidiano, dove Pechino ha commentato il sesto round di misure punitive contro la Russia decise dall’Unione europea, Zhao ha affermato che «con l’escalation e la continuazione delle sanzioni i cittadini europei potrebbero pagare un prezzo maggiore e il mondo potrebbe trovarsi ad affrontare sfide più grandi, come la crisi energetica e alimentare». Infine, è stato ribadito che la Cina sostiene l’UE «nel ruolo attivo a favore di pace, colloqui e costruzione di un quadro di sicurezza europeo equilibrato, efficace e sostenibile».

Ultime notizie

Da bibitaro a statista: la giravolta dei media mainstream su Luigi Di Maio

Luigi Di Maio ha probabilmente compiuto il più grande cambio di casacca parlamentare della storia della Repubblica. Proprio lui...

Quanti follower servono di preciso per ottenere la cittadinanza?

La risposta è: 142 milioni e 600 mila. Tanti ne ha Khaby Lame, star del social TikTok, sulla quale...

La telepatia buona è quella del partito

Si annuncia uno strepitoso futuro, dove sarà possibile il contatto wireless tra macchina e cervello umano. Tu pensi una...

La verità sull’OMS raccontata dal suo ex capo ricercatore: intervista a Francesco Zambon

Francesco Zambon era a capo dei ricercatori dell’Organizzazione Mondiale della Sanità che scrissero un rapporto sulla gestione della prima...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI