mercoledì 30 Novembre 2022

La Cina avverte l’UE: le sanzioni non risolvono crisi in Ucraina

Il portavoce del ministero degli Esteri cinese, Zhao Lijian, ha dichiarato che le sanzioni hanno dimostrato di non essere «un modo corretto per risolvere la crisi in Ucraina». In seguito al briefing quotidiano, dove Pechino ha commentato il sesto round di misure punitive contro la Russia decise dall’Unione europea, Zhao ha affermato che «con l’escalation e la continuazione delle sanzioni i cittadini europei potrebbero pagare un prezzo maggiore e il mondo potrebbe trovarsi ad affrontare sfide più grandi, come la crisi energetica e alimentare». Infine, è stato ribadito che la Cina sostiene l’UE «nel ruolo attivo a favore di pace, colloqui e costruzione di un quadro di sicurezza europeo equilibrato, efficace e sostenibile».

Ultime notizie

Il Qatar è già campione del mondo dello sfruttamento

Il mondiale è appena iniziato ma i suoi preparativi vanno avanti incessantemente dal 2020, quando il Qatar si è...

Lockdown: ora Trudeau e Bassetti difendono le proteste in Cina (sconfessandosi da soli)

«Tutti in Cina dovrebbero essere autorizzati a protestare. Continueremo ad assicurarci che la Cina sappia che sosterremo i diritti...

L’altro Mondiale: cronache, aneddoti e assurdità da Qatar ’22

Benvenute e benvenuti alla seconda puntata de l'altro mondiale, scusate il ritardo, ma le cose serie hanno preso il...

Il governo stanzia altri 400 milioni per le Olimpiadi 2026, quelle a “costo zero”

I XXV Giochi olimpici e paralimpici invernali si terranno dal 6 al 22 febbraio 2026 a Milano e Cortina...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI