martedì 27 Settembre 2022

Usa, la Camera approva 4 misure contro Russia e Bielorussia

La Camera statunitense ha approvato quattro provvedimenti contro la Russia e la Bielorussia. La prima misura punta a escludere i funzionari russi dalla partecipazione a incontri del G20, del comitato di Basilea per gli standard bancari e del Financial Stability Board. Il secondo provvedimento riguarda, invece, la sospensione dei pagamenti multilaterali dovuti da Kiev, mentre il terzo chiarisce che le controllate estere di istituzioni americane dovranno rispettare le sanzioni imposte dall’amministrazione Biden a Russia e Bielorussia. Infine, la quarta misura vieta al Tesoro americano di prendere parte a transazioni che riguardano lo scambio di Special Drawing Rights, i diritti speciali di prelievo che rappresentano la valuta del Fondo monetario internazionale (FMI), controllati da Russia o Bielorussia.

Ultime notizie

In Iran non si fermano le proteste contro il governo

Ad oltre dieci giorni dal loro inizio non si fermano le proteste infuriate in Iran dopo la morte di...

Parigi, attivisti per il clima occupano l’aeroporto per bloccare i jet privati

Bloccare l'uso e l'abuso dei jet privati contrastandone fisicamente la partenza, se necessario. Perché «i crimini climatici degli ultra...

CGIA avverte: il nuovo governo dovrà trovare 40 miliardi nei primi 100 giorni

Il nuovo governo che si insedierà a Palazzo Chigi avrà in eredità i provvedimenti introdotti dal Governo Draghi che...

Basta massacri di canguri: la protesta contro i marchi della moda alla Fashion Week

In occasione della Milano Fashion Week c'è chi ha voluto ricordarne il lato oscuro ponendo il focus sull'ipocrisia italiana...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI