giovedì 19 Maggio 2022

L’Ente nazionale della salute USA ha ricevuto milioni di dollari da fonti ignote

Centinaia di milioni di dollari sono stati pagati agli scienziati del National Institutes of Health (NIH) degli Stati Uniti, dal 2009 ad oggi. La rivelazione è opera dell’ONG statunitense OpenTheBooks che, dal 2011, opera in favore della trasparenza riguardo ai soldi spesi dalle agenzie federali statunitensi, contribuendo a smascherare le storture del sistema USA e i miliardi di dollari usciti in maniera non trasparente dalle casse statali. Questa volta, il rapporto pubblicato da OpenTheBooks, riguarda soldi che sono fluiti direttamente nelle casse dell’ente. Nello specifico, milioni di dollari che da terze parti sono finiti nelle tasche di dirigenti, funzionari, medici e scienziati dell’agenzia federale statunitense che si occupa di salute.

Secondo OpenTheBooks, i pagamenti effettuati in favore di persone che lavorano per agenzie federali potrebbero rappresentare un potenziale conflitto di interessi e necessitano quindi di divulgazione. OpenTheBooks accusa il NIH di non rispettare il “Freedom of Information Act” e di utilizzare i soldi dei contribuenti per tenere nascoste delle informazioni che invece dovrebbero essere pubbliche e trasparenti, manipolando inoltre i documenti che l’Istituto deve adesso rendere noti.

Grazie alla causa federale intentata da OpenTheBooks contro il NIH, l’agenzia federale è stata costretta a rivelare oltre 22.100 pagamenti di royalty, per un totale di quasi 134 milioni di dollari, pagati all’agenzia e a quasi 1.700 scienziati dipendenti del NIH. I pagamenti resi noti fino ad ora, grazie all’azione dell’organizzazione guidata da Adam Andrzejewski, riguardano il periodo 2009-2014. Infatti, delle circa 3.000 pagine che il NIH è costretto a pubblicare, solo 1.200 sono state presentate ai cittadini statunitensi, con un ritmo di 300 pagine al mese. Inoltre OpenTheBooks denuncia la manipolazione dei documenti da parte del NIH, il quale omette l’importo di ogni singolo pagamento e da chi questo sia stato effettuato; dettagli di non poco conto che impediscono di fatto ai cittadini di sapere chi ha finanziato l’ente nazionale della salute. Secondo le stime effettuate da OpenTheBooks, sarebbero circa 350 milioni di dollari il totale delle royalty pagate da terze parti nell’intero periodo 2009-2020.

Tra coloro che hanno ricevuto somme di denaro troviamo le più alte cariche dell’agenzia. Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID), e consigliere medico capo del Presidente Biden, ha ricevuto 23 pagamenti. Francis Collins, direttore del NIH dal 2009 al 2021, ha ricevuto 14 pagamenti in royalty. Clifford Lane, vice direttore del NIAID, ha ricevuto 8 pagamenti. Come già detto, non è dato sapere l’ammontare delle somme di ogni singola royalty e da chi questa sia stata pagata.

L’organizzazione non governativa accusa l’agenzia federale di essere una porta girevole fatta di miliardi di dollari tra sovvenzioni governative e pagamenti che i privati forniscono in maniera non trasparente tramite royalty. Il fondatore di OpenTheBooks, Adam Andrzejewski, si domanda: «Quando un burocrate federale appare in televisione dandoci istruzioni sulla salute, chi li ha pagati e per quale ricerca e tecnologia? Quando un paziente accetta una sperimentazione clinica o un trattamento sperimentale, quali interessi finanziari sono coinvolti?»

[di Michele Manfrin]

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

2 Commenti

  1. Se un farmaco e’ coperto da brevetto ed ha un interessante prezzo di mercato e’ facile ottenere che un’universita’ o un reparto ospedaliero vi facciano della ricerca, onde capirne l’ottimale utilizzo: non manchera’ chi fornira’ supporto finanziario e logistico perche’ cio’ avvenga. Diverso se trattasi di principi attivi privi di brevetto perche’ questo e’ gia’ scaduto, o se trattasi di sostanze naturali non brevettabili: in tal caso la struttura sperimentante potrebbe ottenere supporto finanziario solo da onlus, o programmi governativi pubblici. E’ cosi’ che sostanze gia’ note hanno difficolta’ a farsi avanti nel settore delle terapie validate. Mentre altri farmaci economicamente interessanti procederanno speditamente verso l’approvazione per l’utilizzo…e gli opinion leader, tramite incontri scientifici lautamente pagati provvederanno a diffonderne la conoscenza…

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI