mercoledì 7 Dicembre 2022

Legambiente, report su tutela fauna selvatica: normativa italiana è inadeguata

Nel nuovo report La tutela della fauna selvatica e il bracconaggio in Italia Legambiente denuncia l’inadeguatezza della ormai trentennale normativa a tutela della fauna omeoterma (mammiferi e uccelli) e che regola l’attività venatoria. La legge proteggerebbe appena l’1,1% della fauna presente sul territorio e non porrebbe soluzioni adeguate a problemi quali la tutela della biodiversità e il bracconaggio. Secondo il report in Italia la gestione della fauna omeoterma è affidata per la quasi totalità ai cacciatori e solamente in parte residuale agli enti pubblici, mentre il bracconaggio alimenta un mercato d’affari che oscilla tra i 50 e i 70 milioni di euro.

Ultime notizie

Covid, uno studio conferma i benefici della vitamina D

La vitamina D può ridurre il rischio di contrarre il Covid-19 nonché di morire a causa del virus: è...

La Francia mette al bando i voli a breve percorrenza

Lo scorso giovedì 1° dicembre la Commissione europea ha approvato un piano proposto dalla Francia nel 2021 che prevede...

Cosa cambia con l’entrata in vigore dell’embargo sul petrolio russo

È entrato in vigore ieri l’embargo al petrolio russo concordato lo scorso 2 settembre tra l’Ue, il G7 e...

Thyssen Krupp: 15 anni dopo il rogo degli operai non si è ancora spento

L’ultimo a mollare è stato Giuseppe, 26 anni, strappato via proprio quando i medici cominciavano a credere al miracolo,...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI