sabato 21 Maggio 2022

Automotive, Bosch e Marelli annunciano centinaia di esuberi in tutta Italia

Mentre i fari sono puntati sull’elezione del nuovo capo dello Stato, continua la crisi occupazionale nel settore automotive. La Bosch annuncia 700 esuberi nello stabilimento di Bari nei prossimi cinque anni, su un totale di 1.700 persone. La Marelli, invece, rende noto il licenziamento entro giugno di 550 dipendenti su un totale in Italia di 7.700 occupati. Soprattutto gli addetti tra Bologna e Torino.

Le motivazioni sembrano convergere tutte su un punto: una transizione ecologica verso le auto elettriche che parrebbe troppo repentina e deleteria per la stabilità dei lavoratori. Il ministero dello Sviluppo Economico (Mise) afferma di conoscere la situazione e di tenerla in costante monitoraggio, ma dati gli ultimi risultati del dicastero guidato dal leghista Giorgetti i lavoratori non si sentiranno certo in una botte di ferro. Ad ogni modo si assicura che un tavolo verrà convocato a breve e vi si parlerà, com’è prevedibile che sia, di un tema che il Ministro dello sviluppo economico Giancarlo Giorgetti aveva già sottolineato, ovvero la necessità che le esigenze ambientali e di sviluppo non confliggano così fortemente con quelle sociali e occupazionali.

Frattanto i sindacati annunciano battaglia, dichiarando che metteranno in campo tutte le iniziative necessarie e vogliono un tavolo generale sull’automotive al Mise. Uno dei settori messi più a dura prova dalle politiche del governo. Le organizzazioni vogliono mettersi a disposizione per assecondare la transizione, salvaguardando però tutti i diritti.

In questi anni la Bosch ha messo a punto quattro nuovi prodotti e appare pronta a compiere la riconversione. Il contraccolpo però andrebbe mitigato con politiche ad hoc di sostegno predisposte a livello di governo centrale e regionale. “L’Italia è la seconda manifattura d’Europa. La difficile prospettiva rappresentata da Bosch a Bari è conseguenza di questa veloce trasformazione del mercato e di politiche europee drastiche, che penalizzano l’Italia più di altri Paesi”, ha detto la Confindustria pugliese.

Insomma pare che l’auto elettrica corra troppo veloce rispetto a noi. Ma è anche vero che i problemi non possono essere imputati solamente alla volontà europea di correre nella sua direzione. Nel corso della pandemia il settore automobilistico è stato molto penalizzato, al di là dei processi che stavano avvenendo all’interno. Tutti ricordiamo i mesi di stop e cassa integrazione, ovviamente legati al fatto che con le restrizioni le esigenze di spostamento su motore erano divenute secondarie. C’è stato poi l’evidente problema dell’approvvigionamento di materie prime, con la carenza dei semiconduttori. Che ha rallentato parecchio diverse produzioni. E ora l’esplosione dei prezzi dell’energia. Ma anche senza voler contare la pandemia, le tensioni all’interno di alcuni siti produttivi non sono una novità, vista la classica altalena della domanda, sia interna che internazionale. Su tutti questi fattori si attende la risposta delle istituzioni. Ad ogni modo una realtà è evidente: se non verranno messi in campo investimenti e strumenti di protezione per i lavoratori occupati nelle aziende inquinanti la transizione ecologica finirà per essere soprattutto a svantaggio della classe operaia.

[di Giampiero Cinelli]

 

 

L'Indipendente non riceve alcun contributo pubblico né ospita alcuna pubblicità, quindi si sostiene esclusivamente grazie agli abbonati e alle donazioni dei lettori. Non abbiamo né vogliamo avere alcun legame con grandi aziende, multinazionali e partiti politici. E sarà sempre così perché questa è l’unica possibilità, secondo noi, per fare giornalismo libero e imparziale. Un’informazione – finalmente – senza padroni.

3 Commenti

  1. “Le organizzazioni vogliono mettersi a disposizione per assecondare la transizione, salvaguardando però tutti i diritti”… la fregatura è in questa frase… Le organizzazioni che dovrebbero in teoria, salvaguardare i diritti dei lavoratori, sono i sindacati. Proprio loro sono stati i primi a far finta di nulla nel momento che il governo Renzi, volle togliere l’art 18, e sono le stesse che per fare ciò, agli italiani, raccontarono che il paese era in un momento di difficoltà, e che dovevano aiutarci tutti, cedendo un po di diritti… poi leggiamo “L’Italia è la seconda manifattura d’Europa. La difficile prospettiva rappresentata da Bosch a Bari è conseguenza di questa veloce trasformazione del mercato e di politiche europee drastiche, che penalizzano l’Italia più di altri Paesi”, ha detto la Confindustria pugliese…ed anche qui ci sarebbe da dire quanto invece siano tutti collusi con i poteri liberali che stanno ammazzando il paese da 30 anni, con tanto di incentivi per le delocalizzazioni…

  2. L’auto elettrica non rappresenta, e molto probabilmente non rappresenterà mai, l’alternativa alla vettura con motore endotermico. Nella battaglia alle automobili classiche, c’è una volontà di privare di un mezzo simbolo del miracolo italiano degli anni 50 e 60 la stragrande maggioranza dei cittadini, perché l’elettrico sarà a servizio di una piccola minoranza elitaria, mentre gli altri saranno condannati ad andare a piedi o con mezzi pubblici sempre più inefficienti e/o costosi.
    In un colpo solo si perderanno posti di lavoro e libertà di movimento.

Iscriviti a The Week
la nostra newsletter settimanale gratuita

Guarda una versione di "The Week" prima di iscriverti e valuta se può interessarti ricevere settimanalmente la nostra newsletter

Ultimi

Correlati

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI