lunedì 23 Maggio 2022

Il Sudafrica vuole scaricare rifiuti tossici nell’Oceano Indiano

Le autorità sudafricane stanno progettando di gettare nell’oceano ingenti quantità di sostanze tossiche, potenzialmente letali per la fauna marina. Lo riporta Mongabay, che spiega come il 23 ottobre 2021 i fertilizzanti e le sostanze chimiche industriali trasportate dalla nave NQ Qingdao siano entrate in contatto con l’acqua piovana durante le operazioni di scarico nel porto di Durban, in Sudafrica, causando il rilascio di fumi tossici. A 3 mesi di distanza il governo non ha saputo elaborare una soluzione per lo smaltimento delle sostanze e starebbe pensando di scaricare tutto nell’oceano, sostenendo che si tratti dell’opzione migliore dal punto di vista ambientale, sociale ed economico. Secondo numerose associazioni di attivisti non vi sono dati a supporto di questa tesi. Tra i rifiuti tossici della NQ Qingdao vi sono sostanze classificate dall’ONU come nocive per la vita marina, che costituirebbero quindi un enorme rischio per la biodiversità presente nella zona selezionata per lo scarico.

Ultime notizie

Ridurre la spesa corrente per accedere al Pnrr: le condizioni di Bruxelles all’Italia

La Commissione europea ha presentato un documento contenente diverse raccomandazioni rivolte all'Italia e relative all'attuazione del Piano Nazionale di...

Il Ruanda diventa il laboratorio del World Economic Forum in Africa

Il Ruanda si appresta a diventare il centro africano per lo sviluppo della nuova tecnologia nel continente. Nella capitale...

Vaiolo delle scimmie: in Belgio quarantena per i positivi, l’OMS invita tutti a seguirlo

Secondo quanto stabilito dalle autorità sanitarie, in Belgio chi risulta positivo al vaiolo delle scimmie dovrà osservare 21 giorni...

L’Unione Europea ha deciso di sanzionare anche l’ambiente bruciando più carbone

Bruxelles ha dato il via libera all'Unione europea per bruciare più carbone nel prossimo decennio con l'obiettivo di porre...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI