mercoledì 7 Dicembre 2022

Il Sudafrica vuole scaricare rifiuti tossici nell’Oceano Indiano

Le autorità sudafricane stanno progettando di gettare nell’oceano ingenti quantità di sostanze tossiche, potenzialmente letali per la fauna marina. Lo riporta Mongabay, che spiega come il 23 ottobre 2021 i fertilizzanti e le sostanze chimiche industriali trasportate dalla nave NQ Qingdao siano entrate in contatto con l’acqua piovana durante le operazioni di scarico nel porto di Durban, in Sudafrica, causando il rilascio di fumi tossici. A 3 mesi di distanza il governo non ha saputo elaborare una soluzione per lo smaltimento delle sostanze e starebbe pensando di scaricare tutto nell’oceano, sostenendo che si tratti dell’opzione migliore dal punto di vista ambientale, sociale ed economico. Secondo numerose associazioni di attivisti non vi sono dati a supporto di questa tesi. Tra i rifiuti tossici della NQ Qingdao vi sono sostanze classificate dall’ONU come nocive per la vita marina, che costituirebbero quindi un enorme rischio per la biodiversità presente nella zona selezionata per lo scarico.

Ultime notizie

Il centro-destra reintroduce i benefici di pena per gli amministratori corrotti

La Commissione Giustizia del Senato ha approvato l’emendamento di Forza Italia che prevede la cancellazione dei reati contro la...

La polizia morale iraniana non è mai stata abolita, anche se lo avete letto

«Non ci sono conferme sul fatto che il lavoro delle unità di pattugliamento, ufficialmente incaricate di garantire la “sicurezza...

Covid, uno studio conferma i benefici della vitamina D

La vitamina D può ridurre il rischio di contrarre il Covid-19 nonché di morire a causa del virus: è...

La Francia mette al bando i voli a breve percorrenza

Lo scorso giovedì 1° dicembre la Commissione europea ha approvato un piano proposto dalla Francia nel 2021 che prevede...

Grazie per aver già letto

10 dei nostri articoli questo mese.

Chiudendo questo pop up potrai continuare la lettura.
Sappi però che abbiamo bisogno di te,
per continuare a fare un giornalismo libero e imparziale.

Clicca qui e  scopri i nostri piani di abbonamento e supporta
Un’informazione – finalmente – senza padroni.

ABBONATI / SOSTIENI